"Abbiamo un problema" a far arrivare gli aiuti umanitari in Siria, nonostante l'accordo Usa-Russia: lo ha detto l'inviato delle Nazioni Unite per la Siria, Staffan De Mistura. L'Onu è "deluso" del fatto che "si sta perdendo tempo" nella consegna degli aiuti umanitari ad Aleppo e in altre aree della Siria, rischiando di sprecare l'opportunità offerta dal cessate il fuoco. Lo ha detto l'inviato speciale Staffan De Mistura, accusando il governo siriano di non aver ancora autorizzato il passaggio dei convogli per almeno cinque aree del Paese.

- LEGGI ANCHE: Le incognite della tregua in Siria

- LEGGI ANCHE: Guerra in Siria, come capire chi combatte contro chi

"La riduzione delle violenze è sostanziale, e continua", ha detto De Mistura in una conferenza stampa a Ginevra trasmessa in diretta dalla tv panaraba Al Jazeera. E il suo consigliere per gli affari umanitari, Jan Egeland, ha affermato che "nelle ultime 24 ore non vi sono state uccisioni di civili". Tuttavia, secondo De Mistura, "è deplorevole" il fatto che ancora nessun aiuto umanitario abbia raggiunto la popolazione, mentre "è qualcosa che dovrebbe avvenire immediatamente", approfittando della tregua in vigore dal tramonto di lunedì.

In particolare, De Mistura ha affermato che il governo di Damasco non ha ancora fornito l'autorizzazione ai convogli dell'Onu per l'accesso a cinque aree del Paese. Tra queste aree non vi è la parte orientale di Aleppo, assediata dalle truppe governative, per la quale l'accordo tra Usa e Russia sul cessate il fuoco prevede "uno status speciale". Ciò significa, ha spiegato De Mistura, che i 40 camion già pronti per partire dovranno essere sigillati e potranno arrivare con il carico intatto a destinazione senza subire perquisizioni lungo la strada. "Questo è l'accordo, e ci aspettiamo che il governo lo rispetti", ha affermato l'inviato delle Nazioni Unite.

Prima che i camion possano partire per Aleppo, tuttavia, le forze governative e quelle ribelli dovranno ritirarsi a una certa distanza dalla strada di Castello, attraverso la quale gli aiuti dovranno passare. E ciò non è ancora avvenuto. "Speriamo di poter fare partire i convogli domani", ha detto Egeland.

© Riproduzione Riservata

Commenti