Esteri

Le ragioni dello scontro tra Juncker e Renzi

C'è la questione delle diverse previsioni di crescita. Ma c'è soprattutto uno stile politico e umano che ai governanti europei non può andare a genio

Il presidente della commissione Europea, Jean-Claude Juncker – Credits: Axel Schmidt/Getty Images

«A Renzi dico che non sono il capo di una banda di burocrati: sono il presidente della Commissione Ue, istituzione che merita rispetto, non meno legittimata dei governi» (Jean Claude Juncker).  «In Europa non l'abbiamo né vinta né persa: ce la stiamo giocando e stiamo segnando dei gol. A Barroso e Juncker ho detto che voglio il rispetto che meritiamo come Paese. Non vado con il cappello in mano»  (Matteo Renzi).

Il duro, insolito, botta e risposta tra il presidente della Commissione Ue e il premier italiano nasconde, al di là delle non trascurabili diverse previsioni di crescita tra la Commissione e il governo (+0,6 vs 1,2%), una questione che è tutta politica: la necessità che ha il nostro premier (e non solo lui) di spingere l'Ue ad allargare i cordoni della borsa, ben di più di quanto non abbia già fatto benedicendo una manovra (targata Renzi-Padoan) che ci ha consentito di sforare dello 0,3% rispetto ai tradizionali parametri europei.

Il problema politico è anche un problema di stile di governo. O, se volete, di comunicazione. Renzi, che è perfettamente consapevole che Juncker è assai più fessibile e meno intransigente di Barroso, ha la necessità di marcare il punto. Di trasformare una battaglia apparentemente noiosa, come quella sui parametri, in una bandiera politico-elettorale che possa sventolare in campagna elettorale davanti agli occhi della sempre più sfiduciata opinione pubblica italiana. Quale occasione migliore di una battuta, populista e piaciona, sui burocrati europei?

A sua volta Juncker non ha di queste necessità. Deve far funzionare una macchina, quella europea, che ha liturgie e modalità incompatibili con lo stile smart e semplificatorio del nostro presidente del Consiglio. E poi Jean Claude Juncker non è Susanna Camusso o Stefano Fassina, coi quali è possibile inscenare un duello a colpi di battute sferzanti e linguacciute per la gioia (o dello scorno) dei fan dell'una o dell'altra curva, senza che accada nulla di sostanzialmente rilevante. Jean Claude Juncker è un politico freddo e serioso, anche un po' «burocratico», che non può amare lo stile «mediterraneo» del nostro presidente. Di più: dei nostri presidenti che si sono succeduti. 

C'è però una questione nient'affatto di seconda importanza, per Renzi. Il presidente della Commissione Europea è un alleato che il nostro governo ha contribuito a eleggere. È l'artefice, con Roma e Parigi, di quel piano da 300 miliardi Ue su cui punta il nostro premier. Ha uno sguardo meno austero e rigorista del suo predecessore, Manuel Barroso, con cui l'Italia (non solo con Renzi in sella) ha sempre litigato furiosamente. Punzecchiarlo, sapendo che tu sei stato un suo grande elettore e che lo stesso Juncker vuole archiviare la fase del rigore senza se e senza in Europa, significa rischiare poco. Il problema è che il gioco - irriverente - che a Renzi è riuscito in Italia potrebbe non riuscire in Europa. Ai governanti europei le battute populiste non sono mai piaciute. Anche quando, come in questo caso, sono fini a se stesse.

(PP)                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              

© Riproduzione Riservata

Commenti