Esteri

Nobel: come sta cambiando l'Accademia

Dopo la decisione di non assegnare il Nobel per la Letteratura nel 2018, è tempo di ripensare al ruolo e alla struttura interna dell'organizzazione

L'Accademia di Svezia a Stoccolma

Barbara Massaro

-

E' dovuto intervenire il Re in persona. Nella serata di ieri Carlo XVI Gustavo, sovrano di Svezia, ha modificato lo Statuto dell'Accademia di Stoccolma permettendo ai membri, per la prima volta da quando esiste l'Istituzione, di dare le proprie dimissioni.

Un cambio epocale

Fino a oggi la carica di giurato dell'Accademia era a vita con un complicato meccanismo vincolante che è andato in crisi con lo scandalo molestie sessuali che ha coinvolto l'organismo deputato all'assegnazione del Nobel per la Letteratura che quest'anno non verrà conferito.

Non è la prima volta nella storia della manifestazione, che esiste dal 1901, che salta un'edizione (è accaduto nel corso delle due guerre mondiali, per esempio), ma in questo caso a essere grave è il fatto che il premio sia stato posticipato al prossimo anno a causa di uno scandalo per molestie sessuali che ha indebolito l'Accademia e la sua credibilità.


Lo scandalo molestie che ha travolto l'Accademia

Dopo che, sull'onda del movimento #MeToo, 18 donne, lo scorso novembre, hanno denunciato Jean-Claude Arnault, marito della giurata Katarina Frostenson, di averle molestate, è stata avviata un'indagine interna all'Accademia che ha fatto emergere anche legami finanziari non chiari tra l'organizzazione e una fondazione privata (Forum, ora chiusa) a cui capo c'era il fotografo franco svedese.

Alcuni giorni fa, poi, la stampa svedese aveva anche parlato di presunte molestie subite 20 anni fa ma sempre taciute dalla principessa erede al trono Victoria di Svezia sempre da parte di Arnault.

Le dimissioni degli accademici

Questa catena di eventi ha causato una serie di "dimissioni" da parte dei 18 membri a vita dell'Accademia. Il termine dimissioni, però, non è corretto in quanto essendo, appunto, nominati a vita, i giurati non potevano rinunciare all'incarico, ma avevano il diritto di non partecipare alle assemblee e quindi alle votazioni. 

In pochi giorni hanno lasciato l'incarico sei persone (tra le quali la storica segretaria Sara Danius) facendo scendere il numero dei giurati attivi a 11. Al totale vanno sottratte altre due eminenze grigie che per motivi politici e culturali già da tempo avevano rinunciato a seguire i lavori dell'Accademia.

I membri attivi erano quindi rimasti solo in 9. Peccato che il numero legale perché l'assegnazione del Nobel sia possibile è di 12 membri. Il black out veniva aggravato dal fatto che un giurato poteva essere sostituito solo in caso di morte. Senza l'intervento del Re l'Accademia di Svezia avrebbe cessato di esistere in breve tempo.

Come va ripensata l'istituzione dell'Accademia

Ora, però, è il momento di ripensare all'intero sistema d'assegnazione del Nobel e l'Accademia per questo ha deciso di sospendere il premio per il 2018 (il Nobel 2018 per la Letteratura verrà assegnato nel 2019).

Nel comunicato ufficiale si legge: "I membri attivi dell'Accademia, nel rispetto dell'eredità unica dell'istituzione, considerano necessario modificare il loro modo lavorare". 

Si tratta di una modernizzazione necessaria di un organismo che si muoveva in maniera ormai anacronistica con regole stabilite secoli fa (lo statuto dell'Accademia di Svezia è del 1786). La nomina a vita, peraltro, rischiava di favorire un clientelismo indegno di un premio nato per eleggere il ghota dell'intellighentia mondiale. 

Una modernizzazione necessaria

Evitare i conflitti d'interesse, allontanare i giurati disinteressati e poter rinnovare l'organo di assegnazione del Nobel sono gli obiettivi cui gli accademici stanno lavorando in vista del prossimo anno.

Serviranno trasparenza e maggiori comunicazioni con l'esterno in maniera che il lavoro degli intellettuali possa rispondere a dei criteri riscontrabili e verificabili in maniera oggettiva.

"La decisione è stata presa - si legge ancora sul comunicato ufficiale -  per via di un'Accademia numericamente indebolita che aveva visto diminuita la fiducia nei suoi confronti nel mondo. Con un grave danno di immagine".

Il numero dei membri potrebbe, quindi, presto aumentare ed è possibile che le nomine diventino periodiche e a termine in maniera che anche la sapienza letteraria possa essere amministrata secondo i dettami delle più moderne democrazie. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché lo scandalo molestie sessuali travolge il Nobel per la letteratura 2018

Jean-Claude Arnault è stato accusato di molestie causando dimissioni a catena all'interno dell'Accademia. E spunta anche il nome della Principessa Victoria

Perché Natalie Portman ha rifiutato il Nobel israeliano

L'attrice di origine ebraiche ha declinato l'invito a partecipare alla cerimonia del Genesis Prize che, quindi, è stata cancellata

Claude Simon, il Premio Nobel rifiutato da 19 editori

Un esperimento condotto da un ammiratore dello scrittore francese Claude Simon mette in mostra un lato amaro dell'editoria contemporanea

Dove va il Nobel?

Con il premio per la Letteratura a Kazuo Ishiguro il Nobel torna alla tradizione. Ma con quello alla Pace all'ICAN lascia perplessi

Commenti