Esteri

La mappa dei Paesi dove essere gay è (ancora) un reato

Tra questi non c'è più l'India che, con una sentenza storica, ha depenalizzato l'omosessualità

La comunità LGBT festeggia in India la cancellazione del reato di omosessualità dal codice penale

Barbara Massaro

-

In quasi un terzo del mondo essere omossessuali è un reato. Previsti carcere, lapidazione, multe e persino la morte per chi si macchia dell'onta di essere gay.

Dove essere gay è illegale

Mentre l'occidente progredisce - seppure lentamente - concedendo alle persone innamorate di qualcuno del proprio stesso sesso diritti e prerogative fino ad ora appannaggio degli eterosessuali, quasi la totalità degli africani crede che l'omosessualità sia contro natura e ontologicamente errata. Lo stesso vale per i Paesi del Medio Oriente e per decine di altri Stati che guardano a sud est del mondo.

La rivoluzione indiana dei diritti

Tra questi Peasi, però, d'ora in avanti non ci sarà più l'IndiaCon una decisione storica, infatti, la Corte Suprema indiana ha  depenalizzato l'omosessualità, cancellando la sezione 377 del Codice Penale che da 157 anni puniva come "Offese contro natura" questi comportamenti. 

Il Presidente del collegio giudicante nel motivare il verdetto ha sentenziato: "Criminalizzare l'omosessualità è irrazionale e indifendibile".

La sentenza arriva dopo anni di battaglia della comunità LGBT che oggi festeggia una vittoria storica. La stessa decisione era stata già presa dalla Alta Corte di Delhi, del 2009, ma la sentenza era stata poi cancellata nel 2013 dalla stessa Corte Suprema, per poi tornare in agenda nel 2017

Fino ad oggi un indiano condannato per omosessualità rischiava fino a 10 anni di carcere.

La situazione in Africa

La stessa pena è prevista in Nigeria dove basta essere sostenitori di associazioni gay per finire in carcere. Sono 38 gli stati africani dove essere gay è un reato e le pene variano da nazione a nazione.

In Uganda, per esempio, si rischia l'ergastolo, mentre il Marocco prevede una detenzione che varia dai 6 mesi ai 3 anni. In Camerun, invece, oltre al carcere (5 anni) si deve anche pagare una multa; in Liberia e Malesia ce la si cava con un'ammenda; carcere anche in Burundi, Senegal e Ghana, mentre in  sono previsti i lavori forzati. Secondo un recente sondaggio, tra l'altro il 96% degli africani è convinto che la legge sia giusta e che l'omosessualità sia un reato gravissimo.

Sanzioni penali sono previste poi, in Senegal, in Somalia, in Senegal, in Zambia, in Zimbawe e in Tunisia (dove l'omosessualità è illegale, ma tollerate). Multe anche a Singapore, in SriLanka, SwazilandTurkmenistan, Uzbekistan e in Russia.

In Medio Oriente

Non va meglio nella stragrande maggioranza degli stati musulmani dove, tra l'altro, vige la Shaaria che prevede la morte per chi, oltre a essere adultero, è anche gay.

Condanna a morte in Iran, Yamen, Emirati Arabi Uniti, Mauritania e Pakistan. Condanna "solo" all'ergastolo in Bangladesh mentre nel sultanato del Brunei e in Afghanistan vige la lapidazione sulla pubblica piazza per chi è omosessuale.

In Arabia Saudita, infine, prima di essere condannati a morte si subisce il carcere, l'amputazione di parti anatomiche, la lapidazione e l'internamento in cliniche psichiatriche.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Slovenia: referendum cancella nozze e adozioni per gli omosessuali

Il "no" della consultazione popolare annulla la legge sull'istituto della famiglia approvata dal Parlamento lo scorso marzo

Unioni omosessuali, il dilemma italiano

La questione aperta nel nostro paese è separificare le relazioni gay al matrimonio o dare solo un riconscimento formale alle coppie di fatto

Uganda, omosessuali senza volto

In mostra a Modena i "ritratti in negativo" del fotografo Aldo Soligno. Protagonisti i giovani gay ugandesi costretti a nascondere la loro identità

Commenti