Photo Department

-

Da ieri sera decine di migliaia di persone stanno scendendo in piazza in tutto il mondo per mostrare solidarietà al settimanale satirico francese Charlie Hebdo, colpito da un attentato terroristico in cui sono morte dodici persone.

Da Place de la République a Parigi, piazza simbolo della Repubblica ferita, dove ieri sera erano in 35.000 e dove stasera i parigini torneranno a riunirsi per manifestare contro il terrorismo, fino a BerlinoBruxelles, Melbourne, New York, Tokyo, Hong Kong... a tutte le latitudini gruppi o folle di persone si sono riversati nelle piazze per dimostrare la loro solidarietà alla Francia e per ribadire "Je suis Charlie", siamo tutti Charlie.  

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ricordo di Charb, il direttore di Charlie Hebdo

Stephane Charbonnier, 47 anni, linea editoriale libertaria ma considerata blasfema dagli oscurantisti

La storia di Charlie Hebdo. 1970-2015 - Foto

La storia tormentata del "giornale stupido e cattivo" degli ultimi 20 anni è fatta di scontri con l'Islam, fino alla strage del 2015

Charlie Hebdo: quello che è successo esattamente

Il civico sbagliato, le minacce nella hall della redazione, la corsa al primo piano dell'edificio, la fuga su un auto rubata: ecco come è andata

Le copertine di Charlie Hebdo

L'ironia contro papa Ratzinger, l'Islam fanatico, il cristianesimo, Sarkò e Hollande: i bersagli a 360 gradi della rivista in una carrellata di copertine

Commenti