Esteri

Gli Usa: "Non stiamo spiando Hollande, né lo faremo"

La Casa Bianca nega di tenere sotto controllo il presidente francese, ma non di averlo fatto in passato. Convocato l'ambasciatore americano a Parigi

Con Hollande

Redazione

-

Si apre un nuovo capitolo del cosiddetto Nsagate, lo scandalo che ha preso forma attorno ai file inviati da Edward Snowden a Wikileaks.



Al centro della vicenda ci sarebbero i rapporti Stati Uniti-Francia e, a quanto pare, qualcosa come sei anni, dal 2006 al 2012, di spionaggio e intercettazioni nei confronti degli ultimi tre presidenti, l'attuale Hollande, Nicolas Sarkozy e Jacques Chirac.

Immediata la replica del Consiglio per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca che, per bocca del suo portavoce Ned Price ha dichiarato: ""Non stiamo considerando un obiettivo e non prenderemo di mira le comunicazioni del presidente Hollande", smentendo quindi che siano in corso azioni di spionaggio, senza però escludere di averlo fatto in passato.

Da parte sua, il governo francese denuncia l'accaduto definendolo inaccettabile: "Francia e Stati Uniti sono spesso alleati nel mondo a favore della democrazia e della libertà. Che ci sia stata questa 'copertura' evidentemente non è né accettabile né comprensibile", ha dichiarato il ministro portavoce del governo, Stephane Le Foll.

Intanto, il ministro degli Esteri francese, Laurent Favius, ha convocato l'ambasciatore americano Jane Hartley, per il pomeriggio al Quai d'Orsay.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Parla Snowden: “Europa al servizio della NSA”

La fonte del Datagate è intervenuto in streaming al South by Southwest di Austin e ha scritto al Parlamento Europeo: "Ci stiamo giocando il futuro di Internet"

Snowden: il ruolo della NSA nella guerra di Israele

Gli ultimi documenti pubblicati da The Intercept descrivono nel dettaglio la collaborazione fra l'agenzia USA e l'omologa di Tel Aviv; ma anche con l'Autorità nazionale palestinese. Cina e Hamas però non stanno a guardare

L'altro Snowden che fa tremare la Casa Bianca

L'Fbi perquisisce la casa di una seconda talpa che avrebbe passato documenti riservati a Glenn Greenwald, il giornalista del Datagate che già raccolse le rivelazioni di Snowden a Hong Kong

Il Predestinato: Snowden e il Datagate diventano un romanzo

Intercettazioni, battaglie ideologiche e una storia d’amore. Quando l’immaginazione incontra (purtroppo) la realtà

Freedom Act: la piccola vittoria di Edward Snowden al Congresso Usa

Il nuovo sostema di norme prevede più limiti alla sorveglianza degli americani. Un traguardo voluto e sperato dal Presidente Barack Obama

Commenti