Ho comprato droga online dalla Cina. Ecco come...
Ho comprato droga online dalla Cina. Ecco come...
News

Ho comprato droga online dalla Cina. Ecco come...

Servono nomi bizzarri per nasconderle alle autorità, e vengono spedite a casa come tutti gli altri prodotti

Beh, in realtà alla fine non l'ho comprata. Essenzialmente perché tra l'istante in cui ho letto l'annuncio su Taobao e quello in cui avrei effettivamente voluto procedere all'acquisto qualche poliziotto di internet deve aver fatto la mia stessa scoperta decidendo di oscurare la pagina in questione prima che io riuscissi a inserire i dati per registrami.

Come sono arrivata all'annuncio della marijuana? Per caso. Stavo cercando le "novità" messe in commercio su un sito di acquisti on line cinese e trovando gli ormai classici (e scontatissimi!) fidanzati in affitto e login falsi per iPhone (dovete sapere che da quando l'iPhone è diventato uno status symbol, chi non può permetterselo acquista nei falsi Apple store, o su Taobao, un finto login per 50 centesimi di euro al mese che permetta al momento della sintonizzazione in chat di far comparire la scritta "l'utente XY è ora online via iPhone". Al solo scopo di far credere ad amici e conoscenti di possederne uno...).

Tra i prodotti più venduti ho poi trovato il latte in polvere per neonati, un altro grande classico dopo lo scandalo delle confezioni cinesi alla melamina, e delle sigarette di marca "Pyongyang Paeksan". Attirata da questi pacchetti rossi commercializzati dalla Corea del Nord (che, ammesso che abbia tradotto bene l'annuncio, verrebbero venduti vuoti, per poco più di 4 euro a confezione!!), ho trovato un altro prodotto made in Pyongyang, un (probabile) unguento, ma forse anche una polvere, in grado di eliminare le tossine presenti nel corpo (a 75 euro!) e la cannabis.

Dopo averla riconosciuta ho letto che altri utenti l'avevano ordinata, al prezzo di cento yuan al grammo, pari a circa dieci euro, l'avevano poi ricevuta a casa a tre giorni di distanza dal pagamento in foglie essiccate conservate perfettamente. Come d'abitudine si fa per il te'.

Poi, all'imprvviso, l'annuncio è sparito. La vendita di droghe è vietata in Cina, e la polizia di internet è da sempre molto attenta ad evitare che la rete si trasformi in una fonte privilegiata per gli scambi di stupefacenti. Tuttavia, da quando appassionati di acidi e marijuana hanno iniziato a darsi appuntamento sui social network per confrontarsi sui prezzi delle droghe, su dove trovarle e anche su come coltivarle o prepararle, riferendosi alle stesse con nomi d'arte per non farsi scoprire, il commercio di queste sostanze è diventato sempre più complicato da monitorare. E resto convinta che se avessi un po' più di fantasia potrei anche riuscire a recuperare l'annuncio scomparso. Se l'LSD si trova cercando "francobolli", cosa si potranno essere inventati i cinesi per camuffare la marijuana?

Ti potrebbe piacere anche

I più letti