Da Milano a Piombino le foto delle proteste contro il Jobs Act

Tute bianche a righe nere con le catene ai polsi, striscioni, cartelli di chi il lavoro lo ha perso o lo sta per perdere

Rita Fenini

-


Lavoratori vestiti da schiavi a Piombino e manifestazioni a Milano per dire no al Jobs Act di Renzi. Nel capoluogo lombardo, un gruppo di manifestanti dell' Unione sindacale di base ha protestato nei pressi dell' area del Portello, mentre da piazzale Lotto, in contemporanea, partiva il corteo della Fiom. Ai metalmeccanici in piazza si è unito il segretario generale, Maurizio Landini e più di cento lavoratori Nokia, di cui è stato annunciato il licenziamento.

 

Intanto, a mezzanotte di oggi, è cominciato a Piombino il presidio di 24 ore organizzato da un gruppo di dipendenti della Lucchini, della Magona Arcelor Mittal, della Sol e delle ditte appaltatrici: una protesta quantomeno originale, visto che i manifestanti si sono vestiti da carcerati, con tute bianche a righe nere e catene ai polsi.

© Riproduzione Riservata

Commenti