Cronaca

La Fiom a Brescia: scontri alla manifestazione

Striscioni, lanci di uova e fumogeni. Un poliziotto e un carabiniere sono rimasti feriti nelle colluttazioni con i giovani dei centri sociali

Fiom-brescia

Operai e forze dell'ordine si fronteggiano durante la visita del premier Matteo Renzi a Brescia - 3 novembre 2014 – Credits: ANSAVENEZIA FILIPPO

"Renzi non hai mai lavorato giù le mani dal sindacato": è questo il testo di uno degli striscioni esposti dalla Fiom durante la manifestazione a Brescia, fuori dall'azienda Palazzoli dove il premier si è recato questa mattina per incontrare gli industriali. La manifestazione ha visto anche il lancio di uova e fumogeni dal corteo del centro sociale "Magazzino 47" che, respinto dalla polizia, ha tentato di circumnavigare la palazzina. Gli agenti, anche a colpi di manganelli, sono riusciti ad impedire al corteo di avvicinarsi. Nei tafferugli con i centri sociali sono rimasti feriti un agente di Polizia e un carabiniere al quale i manifestanti avrebbero tentato di strappare lo scudo difensivo. I due sono stati medicati. Circa 200 i manifestanti che hanno utilizzato fumogeni, petardi e lanciato sassi e bottiglie. I centri sociali hanno poi tentato di aggregarsi al corteo della FIOM che ha però rifiutato.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti