Gabriele Antonucci

-

Lo scorso 30 giugno Kylie Minogue ha fatto ballare per oltre due ore gli spettatori del festival di Glastonbury, dove ha celebrato gli oltre 30 anni di hit.

La scaletta è stata ricalcata sui brani che compongono Step Back In Time, la raccolta definitiva dei suoi successi che, in 42 canzoni, ripercorre tutte le tappe di una carriera straordinaria, con l'aggiunta di un brano inedito, "New York City".

Dalla hit I Should Be So Lucky pubblicata nel 1987 si arriva fino a Golden, pubblicata lo scorso anno con ottimi risultati.

Un bacheca ricca di riconoscimenti: basti pensare che a Melburne, sua città natale, le hanno dedicato una statua; in Inghilterra, dove è cittadina onoraria dal 2011, ha ricevuto il titolo di ufficiale dell'Impero britannico ed è stata insiegnita nel 2016 del premio come miglior artista australiana in Inghilterra.

In Francia, invece, è stata nominata cavaliere delle arti e della musica. Nel suo curriculum anche alcuni camei cinematografici come quello in Moulin Rouge in persino in un kolossal di Bollywood.

In totale, i singoli di Kylie hanno trascorso più di 300 settimane nella Top 40 della Official Singles Chart, con oltre 80 milioni di album venduti in tutto il mondo e un catalogo che ha superato un miliardo di streaming solo su Spotify.

La Minogue ha vinto numerosissimi premi, tra cui 3 BRIT Awards, 2 MTV Music Awards e un Grammy.

Ma la sua vittoria più imporatante è stata quella contro il cancro, dopo aver scoperto, nel 2005, di avere un nodulo al seno, che la costrinse ad annullare tutti i suoi impegni per curarsi a Parigi, tra chemioterapia e radioterapia.

Oltre a i suoi successi da solista, famossimi sono i suoi duetti con artisti provenienti da tutto il mondo: Eros Ramazzotti e Laura Pausini tra gli italiani, ma anche star internazionali come i Coldplay, Robbie Williams, i Pet Shop Boys e tanti altri.

Dopo qualche anno di pausa è tornata sulle scene nel 2000 con l'album "Light Years", da cui è stata tratta la hit "Spinning Around", seguita dal singolo "On A Night Like This" e dal duetto con Robbie Williams "Kids".

L’anno successivo, ha pubblicato l'album "Fever", cinque volte platino, che includeva i singoli "Can't Get You Out Of My Head", "In Your Eyes", "Love At First Sight" e "Come Into My World", tutti poi raccolti in "Step Back In Time". "X", l’album di Kylie pubblicato nel 2007, conteneva il singolo "In My Arms" prodotto da Calvin Harris, "2 Hearts" e "Wow", entrato nella Top 5 in Inghilterra.

In questa raccolta spiccano numerosi altri brani che hanno segnato la carriera di Kylie come "Confide In Me", tratto dal quinto album pubblicato nel 1994 e "Where The Wild Roses Grow", suo duetto con Nick Cave & The Bad Seeds.

© Riproduzione Riservata

Commenti