Gianni Poglio

-

Non sono molti gli artisti che hanno avuto un così pieno e totale controllo della propria carriera da poter pubblicare due album nello stesso giorno.

Prince, morto ieri a 57 anni nella sua casa di Paisley Park, era così; : l'arte e l'urgenza artistica venivano prima del marketing e dei calcoli di opportunità. La sua bulimia aristica è stata fonte di scontri feroci con la sua ex etichetta, la Warner Bros. La major non voleva assecondarlo nella sua iperproduttività, con un album pubblicato all’anno, così Prince, per protesta, si fece chiamare «Symbol», un simbolo grafico indicante l’unione tra il maschile e il femminile, o «Tafkap», acronimo inglese per «The artist known as Prince» («L’artista precedentemente conosciuto come Prince»).

Dal Duemila Prince si è riappropriato del suo nome e, in un certo senso, del suo inconfondibile stile.

I due dischi pubblicati alla fine del 2014 sono Art Official Age, un classico album di Prince, prodotto, arrangiato, composto ed eseguito da lui stesso, una miscela di soul, r&b e funk, e Plectrumelectrumil disco di una band, le 3RDEYEGIRL, che comprende Donna Grantis (chitarra), Hannah Ford Welton (batteria) e Ida Nielsen (basso). Registrato dal vivo e in analogico, l’album è nel segno del funk hard-rock. 

Erano dischi opposti per ispirazione, concezione e approccio sonoro. Con queste due uscite Prince realizzò una sorta di sdoppiamento artistico.

Art Official Age è l'anima funk contaminata da un sapiente uso dell'elettronica.
Un disco da studio in presa diretta con l'ispirazione R&B del genietto di Minneapolis.

C'è anche qualche incursione nella dance contemporanea, come nell'iniziale Art official cage. Tra i pezzi più forti Funknroll, un brano che non avrebbe sfigurato su Sign o' the times. Ben rappesentata anche l'anima soft di Prince con What it feels like, una ballad di grande impatto. 

Tutt'altra musica in Plectrumelectrum. Messi in soffitta i trucchetti e le finezze da studio di registrazione, Prince si presentò con una all female band e una tracklist di brani suonati dal vivo in sala prove. Puro rock and roll con qualche incusrione funky. Led Zeppelin, Jimi Hendrix e Funkadelic sono i punti di riferimento di un album che guarda gloriosamente verso i 70's.

Tra i pezzi forti Pretzelbodylogic e l'adrenalinica title track. C'è anche spazio per un tempo medio altamente ispirato: Tictactoe. Quasi punk la sfrontatezza sonora di Marz. Unico elemento in comune con Art Official Age è la conclusiva Funknroll, il brano simbolo di questa nuova era della musica di Prince.



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le 25 migliori canzoni del 2014 - La classifica definitiva

I brani che hanno lasciato il segno a un mese dalla fine dell'anno: U2, Vasco, Pharrell Williams, Pink Floyd, Hozier e gli eterni Ac-Dc

Commenti