Anne Deniau, Flair intervista la fotografa di Alexander McQueen
Anne Deniau
Anne Deniau, Flair intervista la fotografa di Alexander McQueen
Magazine

Anne Deniau, Flair intervista la fotografa di Alexander McQueen

Alexander McQueen è stato uno degli stilisti che ha cambiato il mondo della moda, portando la sua carica visionaria e oltranzista, con una lezione che ha segnato e segna i designer più innovativi. Oggi la fotografa Anne Deniau, che per tredici anni l’ha seguito sulle passerelle e nella vita privata, ha aperto il suo straordinario archivio d’immagini e ha pubblicato il libro L’amore non guarda negli occhi (De Agostini). Ecco un estratto dell'intervista che troverete sul numero di Flair, in edicola con Panorama dal 22 novembre

Cosa la colpiva di più del processo creativo di McQueen?

Era un vero artista, e ogni defilée una performance. La sfilata è un’esperienze che ha una vita breve, così (schiocca le dita,ndr), ma  con una potenza che può travolgerti. Anche se devo dire che, in tredici anni, non ne ho mai vista una: stavo sempre con lui dietro le quinte.

Dopo le sfilate McQueen non si lasciava intervistare.

Si  esponeva, in modo temerario. La passerella era l’attimo liberatorio. E, dopo, non aveva senso parlarne. Era anche stufo della solita storia di lui, figlio del tassista, cresciuto nell’East End londinese. Il suo messaggio era: «Giudicatemi dal lavoro. Il resto è solo una questione personale».

Perché crede che McQueen l’abbia voluta così a lungo e intensamente accanto a sé?

Per lui il “dietro le quinte” era il cuore di tutto. Anch’io lavoro così. La parte più interessante è quindi
 la costruzione del progetto. Volere una testimonianza era logico. In un modo che, non dovrei dirlo io, ma credo gli sarebbe piaciuto, l’avrebbe fatto sorridere.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti