I 92 anni del marinaio più amato al mondo, Braccio di Ferro
(Paramount Pictures/Courtesy of Getty Images)
I 92 anni del marinaio più amato al mondo, Braccio di Ferro
Lifestyle

I 92 anni del marinaio più amato al mondo, Braccio di Ferro

Ha 92 anni, ma non li dimostra. Sarà forse merito di tutti quegli spinaci? Braccio di Ferro è sicuramente uno dei personaggi d’animazione più amati. Creato da Elzie Crisler Segar è apparso per la prima volta nella striscia a fumetti Thimble Theatre nel gennaio del 1929. Da allora è apparso in una delle più celebri serie di cortometraggi animati, intitolata Popeye the Sailor ed è stato il protagonisti di comic books, videogiochi e pubblicità di ogni tipo. I cartoni animati di Braccio di Ferro erano diventati così popolari durante la Grande Depressione, da far salire le vendite di spinaci in America del 33%, fino a farli diventare il terzo alimento più amato dai bambini dopo il gelato e tacchino. In pochi però sanno che la caratteristica più famosa di Braccio di Ferro - ovvero il suo amore per gli spinaci - fu aggiunto soltanto in un secondo momento per spiegare la sua incredibile forza.

Braccio di Ferro debutta in Italia con le sue avventure grazie all’adattamento di alcuni grandi autori tra cui Alberico Motta, Pier Luigi Sangalli e Sandro Dossi. E l’Italia quest’anno lo celebra con un nuovo libro edito da Magazzini Salani. Si intitola Il Meglio di Braccio di Ferro e contiene ben 350 tavole originali di Segar. «Nato nel Teatro di Segar e adattato nel disegno e nelle storie al mercato nostrano dal team di Bianconi, il ‘‘Popeye all’ italiana’’ ha divertito e intrattenuto intere generazioni di giovani lettori con migliaia di pagine stampate e ristampate ininterrottamente per oltre quarant’anni. Alcune delle migliori storie di Braccio di Ferro, pubblicate nel periodo di maggior successo tra gli anni Sessanta e Ottanta, sono state selezionate dagli autori Pier Luigi Sangalli e Sandro Dossi e raccolte in questo volume: un omaggio all’indimenticabile marinaio, protagonista di un capitolo fondamentale della storia del fumetto italiano».

Il cocktail di Braccio di Ferro

Si chiama Popeye Zeneize, il cocktail creato da Roberto Maone, che si ispira al suo cartone animato preferito: Braccio di Ferro. Questo drink non è che una rivisitazione “alla genovese” del French 75. Servito in un bicchiere a forma di pipa, oggetto tipico del personaggio di Elzie Crisler Segar, il Popeye Zeneize è prodotto con il basilico, amalgamato a uno dei distillati preferiti di Maone, il gin. Più precisamente il Ramsbury London Dry con retrogusto di mela cotogna. Al mix si aggiungono limone e Champagne Jacquart Brut Mosaïque. Prodotto con uve Chardonnay, Pinot Nero e Pinot Meunier, e distribuito in Italia da Rinaldi 1957, la cuvée emblematica di Jacquart si presta perfettamente alla miscelazione, per la sua freschezza e per i suoi profumi floreali e agrumati. Con le sue sottili bollicine dai riflessi d’oro bianco, gli aromi di frutta fresca e fiori d’arancio e il suo inconfondibile profumo di crosta di pane, Jacquart Brut Mosaïque chiude alla perfezione un drink iconico ed elegante, nella sua semplicità. Un colore, tendente al verde, che ricorda alla lontana gli spinaci totemici, virati nel drink con il basilico fresco.

Ingredienti

6 cl Jacquart Brut Mosaïque Champagne

3,5 cl Ramsbury Gin

1,5 cl sciroppo al basilico

1 cl succo di limone

Garnish: foglie di basilico fresco

Preparazione

Il drink si prepara con la tecnica dello Shake and Strain: versare in uno shaker il Ramsbury Gin, lo sciroppo al basilico e il succo di limone e riempire di ghiaccio. Shakerare energicamente per circa 15 secondi, filtrare il tutto in un bicchiere – precedentemente raffreddato – e colmare con lo Champagne Jacquart Brut Mosaïque. Decorare, infine, con foglioline di basilico fresco.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti