Quella che vediamo in queste foto non è una verde pianura, ma lo scenario apocalittico che da settimane si trovano davanti agli occhi i bagnanti che frequentano le spiagge delle località costiere dello Shandong, una provincia dell'Est della Cina, dove il mare è colpito dalla più grande fioritura di alghe mai registrata. Alghe verdi non velenose hanno praticamente trasformato in un prato le spiagge e le coste, anche se i bagnanti non sembrano per questo rinunciare alle loro nuotate. Lo spesso strato di alghe verdi non è tuttavia tossico o dannoso per la qualità dell'acqua. 

 

A quanto si legge sul sito web della State Oceanic Administration, si tratterebbe della specie Enteromorpha prolifera , che ha cominciato a comparire circa una settimana fa e che ora ricopre un'area complessiva di circa 30.000 chilometri quadrati.

 

La fioritura più estesa registrata in precedenza si verificò nel 2008, quando le alghe ricoprirono circa 13.000 chilometri quadrati. Finora, le autorità di Qingdao hanno rimosso circa 7335 tonnellate di alghe. Il fenomeno è di solito causato dall'abbondanza di nutrienti nelle acque, soprattutto fosforo, anche se le ragioni specifiche di questa fioritura eccezionale, cominciata nel Mar Giallo nel 2007, non sono ancora state chiarite. Si sospetta vi abbiano un ruolo le industrie stabilitesi nella regione. (AGI)

© Riproduzione Riservata

Commenti