Photo Department

-

Una ricostruzione in pieno stile americano, con migliaia di finti soldati, accampamenti, cannoni e colpi di artiglieria, quasi come in un set di un kolossal hollywoodiano. Gli Usa non potevano certo risparmiarsi per celebrare i 150 anni della battaglia di Gettysburg, drammatico punto di svolta nella guerra di Secessione americana e nella stessa storia della Federazione. Una battaglia che, fino al 7 luglio, dominerà la scena di questa piccola cittadina della Pennsylvania del Sud. Sconosciuta ai più prima del 1863 e oggi gremita quasi come in quei giorni cruciali della storia statunitense.

 

Vestiti nelle storiche giubbe blu - per le truppe nordiste - e grigie - per quelle sudiste - circa 25.000 figuranti hanno "rioccupato" in questi giorni l'immenso prato verde che ospitò le truppe. La battaglia vera e propria ebbe luogo dal 1° al 3 luglio 1863 ma i preparativi all'evento sono già iniziati venerdì scorso, con il trasferimento di 88 tonnellate di pietre, la costruzione dei punti di soccorso e degli accampamenti militari - con tanto di cannoni e depositi d'armi - e l'arrivo della cavalleria. A poca distanza decine di attori hanno provveduto invece a ricreare il "contesto civile" della battaglia, facendo rivivere la quotidianità di una tipica cittadina americana dell'800. Nel frattempo, centinaia di volontari sono giunti a Gettysburg acquistando moschetti, pistole e spade che useranno in quella che si preannuncia essere una rappresentazione studiata in ogni dettaglio.

 

Il momento clou delle celebrazioni si avrà il 3 luglio, 150 anni dopo che i confederati, guidati dal generale Robert Lee, decisero di sferrare l'attacco finale alle postazioni nordiste. Le loro ambizioni si infransero al "the Angle", muro di pietra considerato il punto più avanzato dell'offensiva sudista. E per le truppe di Lee il "Pickett's Charge" - come è noto l'attacco - si trasformò nell'inizio della vittoria del nemico nordista guidato dal generale George Meade, che il New York Post oggi ha definito ''il soldato più sottovalutato della storia Usa''. Mercoledì migliaia di figuranti si confronteranno nuovamente attorno al 'the Angle', in una battaglia che durerà circa 8 minuti, tra fuochi di artiglieria, colpi di cannone e scontri corpo a corpo, per poi concludersi con un concerto in ricordo degli 8.000 caduti di Gettysburg.

 

Si prevede l'arrivo di 2/300.000 visitatori e 700 giornalisti, per un impatto economico che si stima superiore ai 100 milioni di dollari. Numeri da capogiro per il Parco Militare Nazionale di Gettysburg  che, secondo alcuni storici, ha tuttavia emarginato le motivazioni di una guerra legata al grande tema della schiavitù - che il Sud voleva mantenere - e segnata dalle profonde differenze socio-economiche tra gli Stati settentrionali e queli meridionali. Differenze che, ancora oggi, a Gettysburg, affiorano nell'orgoglio di chi - come il 63enne Frank Orlando - è stato scelto per rappresentare il generale Lee e non esita a paragonarlo al Napoleone della battaglia di Waterloo. (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Commenti