Come fare per investire nelle opere d'arte

E' l'unico settore che coniuga collezionismo e ritorno economico. Ecco cosa e dove comprare

Una mostra di Edvard Munch a Oslo, in Norvegia (EPA/CORNELIUS POPPE NORWAY OUT)

Massimo Morici

-

Passione e portafoglio. Le opere d'arte offrono un'opportunità in più agli investitori che vanno a caccia di rendimenti, ma solo se, accanto alla sete di denaro, si è mossi anche da un autentico trasporto per questi beni.

Districarsi tra gallerie, fiere e aste, infatti non è cosa da tutti. Certo, non occorre essere un critico, ma una solida preparazione è consigliata per evitare di prendere cantonate, oltre a una naturale predisposizione e gusto per la materia.

Le performance, tuttavia, non sono affatto da scartare. Per esempio, dal 1985 al 2012 l'indice AMR Art 100 ha ottenuto un rendimento medio annuo del 10% rispetto al 5,9 dell'indice azionario globale MSCI World.

Occhio, però, ai differenti livelli di volatilità: si va da una media annua che può arrivare addirittura al 50% nell'arte contemporanea al 7% nella scultura, che rappresenta invece un porto ben più sicuro con rendimenti attorno a 7,5%.

Ma come iniziare e in che settori puntare? Per i neofiti, anzitutto, non mancano i libri. Tra i tanti, quello dell'economista Claudio Borghi, Investire nell'arte. Il nuovo oro: come salvare i propri risparmi dalla crisi (Sperling&Kupfer).

Poi, è bene consultare anche le risorse online. I siti specializzati non mancano (in italiano si ricordano investimentidarte.eu, iiartaadvisory.com e arsvalue.com).

Utili, infine, sono i consigli d'autore di un colosso elvetico della finanza quale Credit Suisse , che riassumiamo qui sotto in breve.

Investimento diretto: allestire una collezione
E' l'approccio più gratificante, che vi trasformerà col tempo in un vero e proprio collezionista. Tuttavia, questa forma di investimento presuppone un notevole impegno in termini di tempo, conoscenza e denaro.

Mercati primari e secondari: gallerie e aste
Come le obbligazioni, anche le opere d'arte hanno un mercato primario e secondario. Le gallerie rappresentano un mercato del primo tipo, in quanto hanno un portafoglio di artisti di cui vendono e promuovono le opere.

Le aste , invece, rappresentano tradizionalmente un mercato secondario, in cui collezionisti vendono ad altri collezionisti. In questo mercato, accanto a una miriade di piccole case d'asta, la parte del leone spetta a Christie's e Sotheby's.

Frequentare le fiere, inoltre, aiuta ad orientarsi per capire le tendenze del settore. Le principali kermesse sono The European Fine Art Foundation, Maastricht Art Fair in Olanda, Art Basel in Svizzera, Art Basel a Miami Beach e Frieze Art Fair a Londra.

Investimento indiretto: azioni e art fund
Se non volete acquistare direttamente sculture e quadri, un modo più semplice di investire nel mercato dell'arte è passare per i fondi dedicati all'arte (i cosiddetti art funds), che raccolgono denaro dagli investitori per allestire una collezione.

Investire in questi strumenti permette di conseguire un utile di capitale sul loro investimento, perché il valore della collezione può aumentare durante il ciclo di vita del fondo, che si traduce in una vendita con profitto, spiega il colosso elvetico della finanza.

L'ammontare di entrata, però, è molto alto e ai livelli di un fondo hedge: si va da 250.000 a 500.000 dollari. Qualche esempio: in Italia, uno dei primi, è Pinacotheca, autorizzato da Bankitalia nel 2007 e indirizzato a opere d’arte dal 1200 all’800, mentre a San Marino è partito nel 2010 il fondo Scudo Arte Moderna, riservato a clienti professionali.

Un'altra via più accessibile a tutti è quella rappresentata dai titoli azionari di società che operano in questo settore, anche se rappresenta la modalità di investimento con il più basso livello di "passione".

LEGGI TUTTI I "COME FARE PER" SU PANORAMA.IT

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le tribù milionarie di Art Basel

Nata nel 1970 dall'idea di un gruppo di galleristi locali, è diventata nel giro di pochi anni la fiera d'arte moderna e contemporanea più influente al mondo. In continua espansione: dal 2002 sverna oltreoceano con la fortunatissima Art Basel Miami Beach. E l'anno prossimo approderà in Asia con la nuova sede di Hong Kong

Commenti