Ecco perché il vinile sta tornando sotto i riflettori

Le vendite lo scorso anno hanno registrato un incremento del 32%, contro il -17% dei cd

vinile

– Credits: iStock - avlntn

Stefania Medetti

-

Visti gli ultimi fatti, nell’industria musicale, il vinile è la storia di successo più sorprendente. Mentre le vendite di cd continuano a calare (lo scorso anno, hanno segnato -17%), i dischi in vinile stanno riconquistando consensi, racconta Forbes. Il 2015, infatti, segna il decimo anno consecutivo di crescita della categoria e le vendite, che hanno registrato un incremento del 32%, hanno portato il giro d’affari a 416 milioni di dollari. E non si tratta soltanto del punto più alto dal 1988, ma di un turnover superiore a quello che le etichette incassano dallo streaming su YouTube, Vevo e Spotify che  - secondo i dati resi noti dalla Record Industry Association of America – si sono attestate a 385 milioni di dollari nel 2015, riporta Fortune.

Complessivamente, lo scorso anno, sono stati venduti 11,92 milioni di dischi, contro i 9,19 milioni del 2014. Ma mentre il vinile aumenta le proprie quote di mercato, continua a rappresentare solo il 5% delle vendite di album negli Stati Uniti. Il disco che ha venduto di più è stato “25” di Adele che ha totalizzato 116mila copie. In seconda posizione, c’è Taylor Swift con “1989” con 74mila copie e, a seguire, i Pink Floyd con “The dark side of the moon” e 50mila copie; The Beatles con “Abbey Road” e 49.800; Miles Davis con “Kind of blue” e 49mila copie.

La verità dietro le quinte

Quali sono le ragioni di questo successo? Innanzitutto, si sono differenziati i punti vendita. Se il 45% delle vendite di dischi in vinile fa capo a negozi di dischi indipendenti, fra i rivenditori si sono aggiunte le librerie Barnes & Noble, i negozi di abbigliameno Urban Outfitters e, addirittura, i supermercati biologici Whole Foods. Gli Lp, inoltre, non sono affatto economici. Se i baby boomers erano abituati a portarli a casa a un prezzo compreso fra dieci e venti dollari, una copia del nuovo “Born in the Usa” di Springsteen è prossima ai 40 dollari, spiega Fortune.

Fra chi traina la volata al vinile non ci sono solo i collezionisti, ma proprio i giovani nati durante l’era digitale, affamati di nuove esperienze in fatto di musica e che apprezzano la possibilità di ascoltare un suono molto più caldo e ricco di quello “compattato” nei formati Mp3. Secondo The Verge, infine, ci sono altre due variabili da tenere presenti. La prima ha a che fare con il piacere di possedere la propria musica cosa che un disco fisico, come il vinile, può soddisfare pienamente, a differenza di un formato digitale. La seconda, è un aspetto sociale: il vinile si può prestare, scambiare e se ne può fare esperienza con gli amici in un momento di socialità. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Vinile, Polaroid, pellicola: la vendetta analogica

Tornano i simboli cancellati dall’era digitale. Nostalgia del passato o business del futuro?

Bassi Maestro presenta "Com era", l'etichetta che stampa solo su vinile

Il rapper milanese lancia il suo nuovo progetto. Un concept che mantiene le tradizioni dell'hip hop classico per "un pubblico di intenditori"

Pink Floyd: tutta la discografia in vinile deluxe dal 3 giugno

La prima uscita comprende i primi quattro album, da "The Piper at the Gates of Dawn" fino a "Ummagumma"

Commenti