Privacy e Jobs Act: no a forme invasive di controllo

Il garante si è espresso anche sulle garanzie sul posto di lavoro "nel rispetto della delega e dei vincoli della legislazione europea"

privacy

– Credits: iStockPhoto

Redazione Economia

-

"È auspicabile" che il decreto legislativo del Jobs act all'esame delle Camere "sappia ordinare i cambiamenti resi possibili dalle innovazioni in una cornice di garanzie che impediscano forme ingiustificate e invasive di controllo nel rispetto della delega e dei vincoli della legislazione europea". Lo ha affermato il Garante privacy, Antonello Soro, nella sua Relazione annuale. "Un più profondo monitoraggio di impianti e strumenti non deve tradursi in una indebita profilazione delle persone che lavorano", aggiunge Soro, che evidenzia che "nei rapporti di lavoro il crescente ricorso alle tecnologie nell'organizzazione aziendale, i diffusi sistemi di geolocalizzazione e telecamere intelligenti hanno sfumato la linea, un tempo netta, tra vita privata e lavorativa". "Occorre sempre di più coniugare l'esigenza di efficienza delle imprese con la tutela dei diritti", precisa ancora il presidente dell'Authority.

Il riferimento è alle recenti notizie emerse in relazione a una norma contenuta nel Jobs Act che stabilisce come le aziende possano controllare pc e cellulari in dotazione ai dipendenti secondo regole precise. Materia su cui peraltro la giurisprudenza si è già espressa con una sentenza del maggio 2015 a favore del controllo aziendale.

LEGGI QUI COSA PREVEDE IL JOBS ACT IN MATERIA DI CONTROLLI
LEGGI QUI COSA DICE LA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Jobs Act, le novità in arrivo

Il governo prepara gli ultimi decreti della riforma del lavoro, con nuove regole per la cassa integrazione, il collocamento e le mansioni dei dipendenti

Cassa integrazione, cosa cambia con il Jobs Act

Con gli ultimi decreti della riforma del lavoro, arriva un tetto per la durata della cig. Contributi più alti per le aziende che la utilizzano spesso

Jobs Act: assunzioni stabili, ma per finta

Il caso di un centro termale che vuol trasformare i contratti stagionali in posti a tempo indeterminato con il part-time. Ma per i lavoratori è una beffa

Jobs Act, le novità con gli ultimi decreti attuativi

Più facilità nei controlli a distanza sui dipendenti, nuove regole per la cassa integrazione e per le dimissioni. Si completa così la riforma del lavoro

Jobs Act, controlli su telefoni e computer: 5 cose da sapere

Ecco perché con la riforma del lavoro, sarà più facile per le imprese controllare i pc o gli apparecchi aziendali dati ai dipendenti

Commenti