Pensioni, ecco perché non bisogna toccarle

Secondo Giuliano Cazzola, per ottenere ritorni economici consistenti, bisognerebbe intervenire addirittura su trattamenti da 1.200 euro netti al mese

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti – Credits: STEFANO SCARPIELLO / Imagoeconomica

Giuseppe Cordasco

-

“Per fare un’operazione davvero consistente, bisognerebbe abbassare talmente tanto il limite minimo di intervento da rendere il tutto socialmente poco accettabile”. Non usa mezzi termini Giuliano Cazzola, economista con un passato da parlamentare, per bocciare sul nascere la discussione intorno a possibili nuovi tagli alle pensioni.

Leggi anche: L'IDEA DI METTERE LE MANI SULLE PENSIONI IN AUTUNNO

Lasciamo da parte la questione sociale, che pure ha un valore e un peso non irrilenvante. Guardiamo il problema da un punto di vista meramente economico: “Se si vogliono recuperare risorse economiche significative infatti - spiega Cazzola - si dovrebbe chiedere un contributo anche a chi oggi percepisce trattamenti dell’ordine di 1.200-1.300 euro netti al mese, altro che pensioni d’oro. E allora io dico che se lo scenario è questo tanto vale che il governo abolisca il tanto decantato beneficio degli 80 euro, visto che la sua copertura avrebbe delle ricadute deleterie su milioni di pensionati”. E questo senza contare che in effetti in questi anni la categoria dei pensionati appunto, già ha contribuito in maniera significativa al riordino dei conti pubblici.

Leggi anche: RISPARMI SULLE PENSIONI, ECCO QUANTO INCASSA LO STATO

“Non dobbiamo dimenticare – fa notare infatti Cazzola – che nel biennio 2012-2013 dalle pensioni è arrivato un gettito complessivo pari a 8 miliardi di euro. A questi se ne aggiungeranno altri 5 miliardi che matureranno nel periodo che va dal 2014 al 2016. Stiamo parlando quindi complessivamente di risorse pari a circa 13 miliardi di euro, che tra l’altro non derivano da interventi una tantum, ma da riforme strutturali del sistema pensionistico che hanno investito circa 5 milioni di pensionati”.

Un deciso stop dunque a chi pensa di rimettere mano allo scottante tema delle pensioni per fare cassa senza tenere conto di tutte le opportune valutazioni del caso. Una posizione che d’altronde in queste ore viene ribadita da più parti. Al punto che lo stesso presidente del Consiglio Matteo Renzi in un tweet ha smentito l’esistenza di qualsiasi piano segreto che prevederebbe interventi sulle pensioni nei prossimi mesi.

 

Per il momento dunque eventuali nuove risorse dovranno arrivare solo da tagli agli sprechi. Della nuova fiammata polemica di questi giorni che ha investito per l’ennesima volta le pensioni potrebbe però restare qualcosa di significativo dal punto di vista tecnico-finanziario che potrebbe tornare utile in previsione di futuri nuovi interventi.

Leggi anche: QUANTO "PESANO" LE PENSIONI IN ITALIA

”In effetti – spiega Cazzola – l’idea, ventilata in queste ore, di un possibile contributo di solidarietà per pensioni determinate con il metodo retributivo calcolato prendendo come riferimento l’importo che verrebbe percepito utilizzando il metodo contributivo, potrebbe essere una buona soluzione. Sempre però se rimaniamo nell’ambito di interventi temporanei e straordinari. Se invece qualcuno volesse rideterminare i trattamenti utilizzando questo stesso sistema – conclude Cazzola – credo che dovrà fare i conti con questioni di legittimità costituzionale, visto che stiamo comunque parlando di diritti maturati e acquisiti”. Insomma, di pensioni di sicuro si tornerà a parlare, ma per il momento sembra che l’argomento scenderà di molto nella lista di priorità del governo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni, perché quelle italiane sono le più tassate d'Europa

Secondo Confesercenti, chi si è ritirato dal lavoro in Italia paga più imposte dei dipendenti e molto di più degli altri anziani del Vecchio Continente. Ecco il motivo

Pensioni da fame, pensioni d'oro e pensioni-baby. Tutte le contraddizioni della previdenza italiana

Oltre 7 milioni di ex-lavoratori a riposo ricevono dall'Inps una rendita inferiore a mille euro. Ma c'è chi guadagna troppo o chi si è ritirato troppo presto

Pensioni, perché i giovani rischiano un assegno da fame

L'ex premier Amato paventa il rischio-povertà per le generazioni future. Ecco quanto prenderà un under 30 che versa pochi contributi

Mettere mano alle pensioni per la manovra d'autunno

Matteo Renzi avrebbe intenzione di mettere nel mirino le pensioni con il calcolo retributivo e quelle di reversibilità come raccontato da Panorama

Commenti