Lavoro precario, positivo saldo assunzioni-cessazioni tra gennaio e giugno

I dati diffusi dall'Inps indicano un +891.000 tra assunzioni e cessazioni nel settore privato

iStock-cittadini-elezioni

– Credits: Istock/A-Digit

a cura di LABITALIA/ADNKRONOS

-

Saldo positivo nel periodo gennaio-giugno 2018, pari a +891.000, ma inferiore a quello del corrispondente periodo del 2017 (+963.000), tra assunzioni e cessazioni nel settore privato. 
È quanto emerge dall’Osservatorio sul precariato diffuso dall’Inps.

Su base annua, il saldo consente di misurare la variazione tendenziale delle posizioni di lavoro. 
Il saldo annualizzato (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi) a giugno 2018 risulta positivo e pari a +392.000, in flessione rispetto a quello registrato a maggio (+453.000). La variazione tendenziale dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato risulta ancora negativa (-28.000), seppur in miglioramento per il sesto mese consecutivo.

Positiva la variazione dello stock di rapporti di somministrazione e di quelli stagionali; ancora significativamente positivi, seppur in progressiva riduzione, i saldi annualizzati dei rapporti a tempo determinato, di apprendistato e di quelli intermittenti.

Complessivamente, le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, nel periodo gennaio-giugno 2018 sono state 3.892.000: sono aumentate del 6,9% rispetto allo stesso periodo del 2017. In crescita risultano tutte le componenti: contratti a tempo indeterminato +1,7%, contratti a tempo determinato +5,9%, contratti di apprendistato +11,2%, contratti stagionali +2,8%, contratti in somministrazione +16,3% e contratti intermittenti +6,5%.

Le cessazioni nel complesso sono state 3.001.000, in aumento rispetto all’anno precedente (+12,0%): a crescere sono le cessazioni di tutte le tipologie di rapporti a termine, soprattutto i contratti intermittenti e in somministrazione, mentre diminuiscono quelle dei rapporti a tempo indeterminato (-4,6%).

La consistenza dei lavoratori impiegati con contratti di prestazione occasionale (cpo), a giugno 2018, si attesta intorno alle 20.000 unità; l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a circa 250 euro. Per quanto invece attiene ai lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia (LF), a giugno 2018 sono circa 6.500 lavoratori impiegati; l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a circa 310 euro.

Nel primo semestre dell’anno si conferma l’aumento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato (+84.000), che registrano infatti un fortissimo incremento rispetto al periodo gennaio-giugno 2017 (+58,7%). 

L’Inps ricorda che nel 2018 scade il triennio degli apprendisti assunti nel 2015, anno in cui a causa della possibilità di utilizzo dell’esonero triennale, le assunzioni in apprendistato hanno registrato una notevole riduzione rispetto agli anni precedenti. Questo — sottolinea l’Istituto — contribuisce a spiegare la contrazione rilevata nel periodo gennaio-giugno 2018 dei rapporti di apprendistato confermati alla conclusione del periodo formativo (-18,9%).

Confrontando il primo semestre di ciascun anno della serie storica 2014–2018 dei nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato instaurati con incentivazioni, l’Inps segnala come nel 2014 i rapporti incentivati sono risultati pari al 28% (considerando sia assunzione che trasformazioni), hanno raggiunto una quota molto elevata nel 2015 (59%) e successivamente sono diminuiti passando dal 45% del 2016 al 29% del 2018

Nel primo semestre 2018, su un totale di 1.079.000 nuovi rapporti a tempo indeterminato (incluse le assunzioni in apprendistato), i rapporti agevolati risultano pari a 316.000, di cui 59.000 dovuti all’esonero strutturale giovani.

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Occupazione precaria: perché gli ultimi dati sul lavoro non sono buoni

Nel primo trimestre 2018 il mercato del lavoro si è fermato. Occupati invariati rispetto all'ultimo trimestre 2017. Aumentano i contratti a tempo determinato

Occupazione in calo dopo 12 mesi di lieve ottimismo

Su base annua prosegue la crescita anche se i dati Istat relativi a giugno segnano una leggera riduzione della stima degli occupati. La corsa degli over 50

Occupazione e tecnologia: i trend per il posto di lavoro del futuro

Dal curriculum del 2030 al bio-hacking, ecco come cambierà il mercato. Le persone svilupperanno da 4 a 6 carriere diverse

L'occupazione italiana è (in un certo senso) tornata ai livelli pre-crisi

Circa 23 milioni di unità come nel 2008. Il problema è la struttura: meno giovani, più tempo determinato e part time, più "working poor"

Occupazione, perché i giovani non trovano lavoro

Formazione carente su tutti i fronti. Le ragioni per cui l'Italia è prima in Europa per la quota di Neet, gli under 25 che non studiano né lavorano

Commenti