Lavoro

Cosa c'è dietro al crollo dei lavoratori autonomi in Italia

Negozi e botteghe artigiane stanno diminuendo a ritmi impetuosi, per l’avvento della grande distribuzione e per la mancanza di eredi

manifestazione-artigiani

Andrea Telara

-

C’erano una volta la bottega dell’artigiano e il negozietto vicino a casa. Dopo quasi 10 anni di crisi economica, queste piccole unità produttive sparse in lungo e largo per tutta la Pensiola italiana sono diminuite in maniera drastica, fino a rischiare di scomparire del tutto in alcune cittadine. 

A mettere in evidenza questo fenomeno è Emilio Reyneri, professore emerito di sociologia del lavoro all’Università di Milano Bicocca che, in un’analisi pubblicata sul sito Lavoce.info, ha rielaborato i dati dell’Istat giungendo a una conclusione: tra il 2004 e il 2016, il numero di lavoratori autonomi si è ridotto nel nostro Paese di ben il 13% (da 6,2 a 5,44 milioni) e di oltre il 15% se si prendono in considerazione soltanto le attività gestite da italiani e non da stranieri. 


Professionisti in aumento, botteghe in calo 

Non tutto l’universo del lavoro autonomo, però, si è mosso nella stessa direzione. Mentre il numero dei liberi professionisti intellettuali  senza dipendenti è cresciuto del 24% (+230mila unità), quello delle attività imprenditoriali gestite da una singola persona ha registrato una flessione del 16,5%, che raggiunge il 21%(-400mila unità circa), se si escludono i lavoratori autonomi stranieri e immigrati.

Per Reyneri  queste cifre testimoniano come il calo dei lavoratori indipendenti si sia concentrato soprattutto tra le figure tradizionali degli artigiani e dei negozianti,  messi fuori mercato dalla crisi, dalla concorrenza della grande distribuzione organizzata (gdo) o dalla difficoltà di effettuare un passaggio generazionale della loro attività.   


Se in città c'è il deserto

La scomparsa di molte piccole attività commerciali e artigianali, a detta del professore della Bicocca, può avere un effetto positivo sulla produttività del Paese, per effetto dell’incremento di dimensioni delle unità produttive. Ma fa nascere un rischio: quello di assistere a una desertificazione delle strade, soprattutto nelle periferie e nei piccoli comuni. Lì, di sicuro, qualcuno rimpiange già il vecchio negozietto vicino a casa e la bottega dell’artigiano. 

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Donne e lavoro, "troppe lavoratrici senza lauree specifiche"

La piattaforma web di CocaCola che aiuta a trovare lavoro

Valeria Fedeli: "Il modello scuola-lavoro funziona e si può fare"

Bracco: "Alternanza scuola-lavoro? Giusto ed importante?"

Perché i robot ci rubano il lavoro

L'automazione alle catene di montaggio aumenta le disuguaglianze: gli operai perdono il lavoro mentre i proprietari continuano ad arricchirsi

A Bologna, la terza Biennale di Fotografia dell’Industria e del Lavoro

Fino al 19 novembre 2017, 14 mostre al MAST e in varie sedi storiche del centro

Sviluppo e lavoro, tra industria 4.0 e start up

Lavoro, 5 giorni di formazione a Milano con HRC Group - VIDEO

Cosa hanno suggerito gli HR manager ai giovani incontrati dal 16 al 20 ottobre durante le giornate dedicate al lavoro di Panorama d'Italia

Trovare lavoro? Ecco la “scheda” per tenersi in allenamento

Alternanza Scuola-Lavoro, il ministro Fedeli: "A dicembre, Stati Generali"

Ospite di Panorama d'Italia per parlare di scuola 2.0 più vicina al mondo del lavoro ha premiato gli studenti vincitori del concorso "Il Bello di Milano"

Giovani e lavoro: ecco come candidarsi in Prysmian e Agitech

Il "tempo del lavoro" tra il troppo e il meno

Da una una parte c'è chi muore sfinito dagli straordinari e dall'altra chi ripensa gli orari lavorativi con soluzioni a basso impatto di stress

Bocchieri: "Così funziona "dote unica Lavoro" della Reg. Lombardia!"

Lavoro e Jobs Act, perché il contratto precario conviene di più

Le assunzioni a tempo determinato sono ai massimi storici. Il motivo è un decreto del ministro Poletti del 2014

Commenti