Pubblicità e social media

Crescita esplosiva grazie a tablet e smartphone

Cartellone pubblicitario "personalizzato" a Sydney (Credits: GREG WOOD/AFP/Getty Images)

Claudia Astarita

-

La pubblicità sui social media funziona. E anche molto bene. Del resto, da quando milioni di potenziali consumatori hanno iniziato a connettersi regolarmente a network come Facebook o Twitter tramite computer, tablet e smartphone, e da quando qualsiasi cosa, anche la ricerca di una moglie o di marito, è diventata "pubblicizzabile", l'appeal di queste nuove piattaforme per gli addetti ai lavori è esploso. Lo confermano i dati del nostro grafico della settimana, pubblicato da Business Insider . I ricavi da annunci "native" sarebbero infatti già saliti da meno di cinque a sei miliardi di dollari dal 2012 al 2013, e potrebbero sfiorare gli 11mila nel 2017. Quelli "display", invece, pur essendo oggi poco al di sotto della soglia dei quattro miliardi, nel 2017 arriveranno al massimo a sei.

Per comprendere questo grafico e capire quali tipi di pubblicità funzionano sui social media è necessario chiarire un paio di punti. A cominciare dalle definiziona di pubblicità "native" e "display", traducendo la prima con personalizzata, la seconda con tradizionale.

Nessuno mette in dubbio che sul piano pubblicitario i social network offrano nuove e interessanti opportunità. Possono contare su milioni di iscritti, che in media passano dalle dieci alle venti ore al mese incollati allo schermo per cercare informazioni, pubblicare foto e commenti. Non solo: il fatto che fino ad oggi chi fa pubblicità abbia investito fino a un massimo del 10% nelle inserzioni destinate ai social media conferma le cifre da capogiro previste dal grafico di Business Insider.

Tuttavia, la vera novità dei social network consiste nella possibilità di sfruttare al massimo le potenzialità della pubblicità personalizzata, non solo dal punto di vista dei contenuti, ma anche delle forme. C'è chi è convinto che la pubblicità possa funzionare solo se utile e non invasiva, ma non è facile soddisfare contemporaneamente le preferenze di tutti. Ebbene, con le inserzioni personalizzate i social network ci sono riusciti, perché chi ama cercare video riceve informazioni tramite video, chi preferisce leggere riceve notifiche scritte e via dicendo. E i suggerimenti dati, grazie a tutti i dettagli con cui gli utenti aggiornano regolarmente i propri profili, non risultano mai strampalati, offensivi o inutili. Così la pubblicità viene guardata, anziché cancellata, e nessuno si infastidisce

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Traffico online: i tablet superano gli smartphone

Una ricerca condotta da Adobe conferma: il volume di pagine viste da tavolette multimediali è maggiore di quello che transita sui telefonini intelligenti

Facebook Sponsored Results: chi cerca trova... pubblicità

Dopo aver tappezzato il servizio di pubblicità, ora Facebook mette gli ad anche nei risultati di ricerca. Un’ottima mossa per gli advertiser. Ma per gli utenti?

Commenti