Iran-Europa, le 7 aziende con i contratti migliori

Accordi d'oro per Airbus, Danieli, Saipem, Peugeot, Total, Aéroports de Paris et Bouygues e Vinci

iran-italia

Il presidente iraniano Hassan Rouhani con il premier Matteo Renzi – Credits: TIZIANA FABI/AFP/Getty Images

Claudia Astarita

-

È stata una missione di grande successo quella del presidente iraniano Hassan Rouhani in Europa. Come ha calcolato il quotidiano britannico Guardian, in quattro giorni sono stati firmati accordi per un valore complessivo di 40 miliardi di euro.

- LEGGI ANCHE: Iran-Italia, tutto il business

Sono 7 le aziende che si sono ritrovate a beneficiare di più dall'annullamento delle sanzioni economiche nei confronti della Repubblica Islamica: Airbus, Danieli, Saipem, Peugeot, Total, Aéroports de Paris et Bouygues e Vinci.

Per cominciare a rinnovare la propria flotta aerea, Teheran ha chiuso un accordo con Airbus dal valore di 22 miliardi di dollari. I primi 118 velivoli (tra cui ben 12 Airbus A380s, gli aerei più grandi del mondo) arriveranno dagli europei, ma visto che Rouhani ha specificato che al paese di aerei ne serviranno almeno 500, gli americani di Boeing hanno iniziato a chiedersi se non valga la pena di approcciare Teheran in maniera più diretta.

Anche gli italiani di Danieli non possono certo lamentarsi: la multinazionale di Udine leader mondiale nella produzione di impianti siderurgici ha firmato un contratto di 5,7 miliardi di euro per la fornitura di macchinari di vario tipo.

A Saipem, invece, la controllata di Eni che si occupa della costruzione di infrastrutture per idrocarburi, è stato affidato l'incarico di ristrutturare gli impianti iraniani di Pars Shiraz e Tabriz. Per 3,5 miliardi di euro.

400 milioni di euro li incasserà Peugeot grazie a una joint-venture che porterà i francesi a produrre tre dei loro modelli con l'aiuto di Khodro, il più grande produttore di automobili iraniano. Le due aziende dovrebbero riuscire a mettere sul mercato circa 100mila vetture all'anno a partire dal 2017.

Il colosso francese degli idrocarburi Total, invece, si è assicurato il diritto di importare dall'Iran 200mila barili di greggio al giorno, mentre il consorzio Aéroports de Paris et Bouygues è stato incaricato della costruzione di un secondo terminal presso l'Aeroporto internazionale Imam Khomeini di Teheran. Vinci Airports, infine, si occuperà della realizzazione di un nuovo terminal per il secondo aeroporto nazionale, quello di Shahid Hashemi Nejad, a Mashhad, nel nord-est del paese.

Se questi accordi dimostrano che la voglia di fare affari con l'Iran è tanta, non tutti sono d'accordo sul fatto che Teheran sia un interlocutore affidabile. È evidente che Italia e Francia hanno scelto di dare fiducia a Rouhani. Se il loro ottimismo non verrà smentito, è molto probabile che presto tanti altri paesi decideranno di seguire l'esempio di Roma e Parigi.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Iran-Arabia Saudita, le motivazioni economiche del conflitto

Riad teme l'ascesa economica di Teheran in Medio Oriente e pensa che un conflitto armato sia l'unico modo per ritardarla

Gli scenari futuri dopo l'accordo nucleare in Iran

Sblocco delle sanzioni su Teheran dopo l’annuncio dell’AIEA. Le conseguenze sugli equilibri economici e nello scacchiere mediorientale

Iran, Rohani in Europa: ricordategli i diritti umani e la pena di morte

Nessuno Tocchi Caino: da quando il presidente iraniano è salito al potere il paese ha battuto il record di esecuzioni capitali. Isf: liberare i giornalisti

Italia-Iran, i business dietro gli accordi

Le nuove relazioni diplomatiche tra Roma e Teheran valgono 15-17 miliardi di euro. Ecco le aziende che se ne avvantaggiano da Danieli fino a Saipem

Non solo Iran: ecco con chi fa affari l’Italia

L’Europa è il principale destinatario delle nostre esportazioni

Commenti