Crisi, perché la Francia ora è nel mirino

Debito in aumento, poca competitività e un po' di supponenza rendono Parigi bersaglio della speculazione

Il presidente francese Francois Hollande e il suo predecessore, Nicolas Sarkozy (Credits:Ap/LaPresse)

Andrea Telara

-

Dopo Atene, Lisbona, Dublino, Madrid e Roma, adesso è la volta di Parigi. Anche la Francia è ormai diventata un sorvegliato speciale in Europa, un paese dall'economia profondamente malata e possibile bersaglio della speculazione sui mercati. L'agenzia statunitense Moody's ha da poco declassato il debito pubblico transalpino e abbassato il rating da tripla A ad aa1, seguendo  le orme della concorrente Standard&Poor's che, già nel gennaio scorso, aveva effettuato un dowgrade (una revisione al ribasso del giudizio) su Parigi.

LA FRANCIA E L'ECONOMIST

Per i cugini d'Oltralpe, però,  l'umiliazione più grande è stata probabilmente un'altra: l'ultima copertina del settimanale Economist che ha dipinto la Francia come una vera e propria bomba a orologeria nel cuore del Vecchio Continente, evidenziando un rischio che molti paventano da mesi. Dentro i confini di Eurolandia, nonostante gli interventi salvifici della Bce di Mario Draghi, la crisi resta infatti in agguato ed è pronta a una nuova escalation. Dopo la Spagna e l'Italia, trattate spesso con un po' di snobismo a Parigi, il ventre molle del Vecchio Continente potrebbe diventare proprio  la repubblica un tempo guidata da De Gaulle e Mitterand.

TUTTO SULLA CRISI DELL'EURO

Queste preoccupazioni appaiono tutt'altro che campate in aria, almeno nell'Europa di oggi dominata dai tedeschi, che ha fatto del rigore di bilancio una “filosofia di vita”. I conti pubblici di Parigi, infatti, non scoppiano certo di salute e gli analisti internazionali lo sanno bene: nel 2012, il deficit transalpino rimarrà ampiamente sopra il 4% del pil mentre il debito pubblico (sempre in rapporto al pil) salirà dall'87% fin sopra la soglia del 90-91%.

LE POLITICHE DI FRANCOIS HOLLANDE

Certo, si tratta di livelli ben più bassi del 125% registrato in Italia, ma c'è un particolare che non va trascurato: il governo di Roma, messo sotto esame dall'Europa intera, ha avviato da tempo una cura lacrime e sangue per raggiungere il pareggio di bilancio già nel 2013 e avrà presto un avanzo primario (cioè un surplus al lordo degli interessi sul debito) di quasi il 4% del pil. Se non vi fosse il peso enorme di un indebitamento accumulato nei decenni scorsi, insomma, l'Italia avrebbe dei conti pubblici in piena salute, o quasi. La Francia, invece, no. Nel 2013, il deficit transalpino forse tornerà al 3-3,5%, grazie però a pesanti sacrifici programmati dall'amministrazione di Francois Hollande, che deprimeranno sicuramente l'economia.

FRANCOIS HOLLANDE E I SONDAGGI

Sembrano ormai lontani, insomma, i tempi in cui l'ex-presidente transalpino Nicolas Sarkozy  cercava di mantenere saldo l'asse franco-tedesco e dispensava giudizi sui progressi nel risanamento dei conti pubblici fatti dal governo italiano. Ora, a essere sotto esame è la Francia, dove l'economia cresce a ritmi non esaltanti (cioè a un tasso dello 0,2% nell'ultimo trimestre) e dove parecchi indicatori mostrano una perdita di competitività del paese. La spesa pubblica transalpina, per esempio, è al 56% del pil, il livello più alto di Eurolandia, la disoccupazione giovanile si avvicina al 25% ed è superiore alla media continentale, mentre il deficit commerciale è attorno al 2% del prodotto interno lordo. Sono numeri che avvicinano Parigi ai paesi del Mediterraneo, più che alle virtuose nazioni del Nord Europa.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

The Economist, la Francia e la crisi dell'euro che non risparmia nessuno

La nostra moneta unica resta debole. Perché gli investitori esteri ancora non si fidano di un mercato che non vede ripresa. Una situazione che non risparmia la Francia come denuncia il settimanale economico

Pil in ribasso e disoccupazione sopra l'11%. Perchè l'austerity in Europa non ha funzionato

La Bce rivede le stime sull'economia nel Vecchio Continente mentre il rigore di bilancio peggiora i conti pubblici, invece di migliorarli

Commenti