banca
NorthernStock/iStock
banca
Economia

Le 9 cose da sapere prima di chiedere soldi in banca

Il via libera a un finanziamento non è solo questione di rating. Dal controllo alla governance, ecco come prepararsi bene ad affrontare lo sportello

Tante persone pensano che oggi le banche eroghino il credito alle aziende sulla base del famigerato rating. Pensano a un software che esamina solo numeri. E pensano male. Ci sono anche nove variabili qualitative, che solo un cervello umano può giudicare. Quali sono? Eccole.

1 - Il controllo interno

Se l’azienda ha un sistema di controllo interno della finanza, questo riduce il rischio percepito dalla banca, e quindi, a parità di altre condizioni, migliora il rating.

2 - Tipologia e qualità della governance

La cultura finanziaria della governance è la seconda variabile a essere indagata e misurata. Se esiste e se è di buon livello, è una variabile qualitativa positiva.

3 - Un corretto comportamento finanziario

Se la variabile precedente misura se gli imprenditori conoscono le regole del gioco, questa misura se le rispettano. Vuol dire cose pratiche, come rispetto delle regole bancarie nel bilancio e in centrale rischi.

4 - Le competenze finanziarie

Le competenze si trovano di solito nel manager o nel consulente esterno. Ecco perché, in assenza di valido management finanziario, è bene rivolgersi solo a bravi consulenti con specifiche competenze finanziarie e – qualora serva la mediazione – solo ad autorizzate società di mediazione creditizia.

5 - La presenza di un piano industriale

La maggior parte delle imprese negozia col bilancio, la brochure e il certificato camerale, cioè con metodi negoziali dell’età del bronzo. E non basta averlo su “carta da formaggio”, bisogna sia fatto in linguaggio di cassa.

6 - La flessibilità di un piano industriale

Quasi tutti i piani sono rigidi, cioè mancano di quello che interessa a un ufficio fidi: l’analisi del rischio, o analisi “what if”. Che succede se? Se tale analisi è presente, migliora il rating qualitativo.

7 - La complessità aziendale

A taluni commercialisti piace far le scatole cinesi. Agli uffici fidi, no. Un eccesso di complessità societaria peggiora il rating qualitativo.

8 - Il potere decisionale

Agli uffici fidi non interessa leggere gli organigrammi, interessa capire chi decide davvero in azienda. Se volete un buon giudizio qualitativo, fatelo capire in modo trasparente.

9 - La fase dell’impresa

Il giudizio qualitativo sarà diverso per una impresa in start up, in sviluppo o in maturità. Fate capire le variabili esterne che influenzano la vostra fase di vita (clienti, fornitori, tempi di incasso e pagamento, ecc.).

10 - E dunque?

Solo gli sprovveduti trascurano di spiegare queste 9 variabili, perché entrano nel rating qualitativo e solo le persone le possono misurare. Vi invito a riflettere su una cosa semplice: in vent’anni di professione, non ho mai visto una delibera di banca firmata da un software.

QUI PER APPROFONDIRE

Ti potrebbe piacere anche

I più letti