Pirelli: perché torna in Borsa

Il gruppo si era delistato nel 2015 dopo l'Opa dei cinesi. I pneumatici industriali volano a Shanghai, le gomme auto si quotano a Milano

pirelli

La Pirelli continuerà a fornire le gomme alla F1 per altri tre anni – Credits: Bryn Lennon/Getty Images Sport

Massimo Morici

-

Pirelli torna a Piazza Affari. Il gruppo della Bicocca era uscito da Borsa Italiana nel 2015, dopo l'Opa lanciata dai cinesi di ChemChina, che avevano sborsato 7 miliardi di euro per aggiudicarselo.

Passati due anni i nuovi padroni hanno deciso di far ricomparire il nome della società sui listini per rientrare nell'investimento. L'Ipo, prevista per il 4 ottobre, non sarà però di tutto il gruppo: in Italia sarà quotata solo la parte "consumer" ossia i pneumatici auto.

Pirelli Industrial vola in Asia

La divisione dedicata alle gomme per i mezzi pesanti (camion, autobus e mezzi agricoli), infatti, lo scorso marzo è stata separata dal gruppo: confluirà in Aeolus Tyre, un'altra controllata di ChemChina, e darà vita a Proeteon, un nuovo gruppo cinese destinato a diventare il quarto operatore globale del settore con una produttività di 18 milioni di pezzi e che sarà quotato invece alla Borsa di Shanghai.

Il completamento dell’operazione è atteso entro fine anno e alla guida del nuovo colosso ci sarà un italiano: Paolo Dal Pino, a.d. dell’ex Pirelli Industrial. Prometeon sarà controllato a quote più o meno paritetiche da Marco Polo (la società lussemburghese partecipata da ChemChina, che già controlla Pirelli), direttamente da ChemChina e dal fondo Cinda (Ministero del Tesoro cinese).

Gomme auto in Italia

La Pirelli quotata a Piazza Affari, invece, sarà rispetto al passato una "pure consumer tyre company", un'azienda focalizzata sui pneumatici auto - hanno generato ricavi per quasi 5 miliardi di euro nel 2016 - e posizionata sui segmenti tecnologicamente più avanzati e ad alta crescita e redditività, come i pneumatici per le auto di lusso e quelli da 18 pollici in su.  

La vendita sul mercato del 40% del capitale servirà in parte a rimborsare il prestito di 1,2 miliardi di euro a Marco Polo, società controllante, da un pool di banche e utilizzato per ridurrre l'indebitamento di Pirelli, che negli scorsi mesi ha rinegoziato il costo del debito residuo di oltre 4 miliardi di euro.

I cinesi a fine operazione scenderanno dal 65 al 45% del capitale. Con le quote vendute sul mercato dovrebbero riuscire anche a ripagare parte del maxi investimento fatto nel 2015 per acquistare Pirelli, che punta nei prossimi anni a una crescita media dei ricavi del 9% con un rapporto tra il risultato operativo e i ricavi del 19,5% a fine 2020.

Ipo a ottobre

Il primo settembre il gruppo ha presentato a Borsa Italiana la domanda di ammissione per quotare le proprie azioni sul MTA. L'Ipo è rivolta sia agli istituzionali sia agli investitori retail e le azioni saranno offerte a un prezzo compreso tra 6,30 e 8,30 euro per azione. Pirelli - si legge in una nota della società - dovrebbe avere un valore di Borsa compreso tra 6,3 e 8,3 miliardi di euro.

A vendere le azioni sarà Marco Polo, la holding che controlla Pirelli, controllata per il 65% da ChemChina, tramite una società lussemburghese (Fourteen Sundew), per il 22,40% da Caminf, la finanziaria che fa capo a Marco Tronchetti Provera e partecipata da UniCredit e Intesa Sanpaolo, e per il 12,60% da Long Term Investments Luxembourg.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Aziende: le norme anti-Cina che sta studiando la Ue

Per evitare le ormai troppe acquisizioni ostili, Bruxelles punta a rendere obbligatorio un proprio parere su qualsiasi investimento di rilievo

Ecco come la Cina vuole controllare le aziende straniere

Nuove regole costringono a creare unità del Partito comunista interne per mediare i conflitti interni e approvare le operazioni di business

Ecco le aziende cinesi che fanno concorrenza a Tesla

Come lavorano le case automobilistiche che puntano al business delle auto elettriche

Pirelli verso la Cina

Opa di oltre 7 miliardi da parte del colosso di Pechino, ChemChina. Tronchetti: l'operazione si chiude nel weekend

Commenti