Aziende

Ecco come Apple sfrutterà la riforma fiscale di Trump

Grazie al "condono" previsto dalla nuova legge, la società investirà in patria oltre 250 miliardi di dollari creando 20 mila nuovi posti di lavoro

Tim Cook

Luciano Lombardi

-

Un "tesoretto" da oltre 250 miliardi di dollari sta per essere rimpatriato negli Stati Uniti.

Sono i fondi che, negli anni, Apple ha trasferito nei cosiddetti paradisi fiscali al fine di pagare meno tasse e che, ora, grazie alla nuova riforma fiscale americana, torneranno "a casa".

Un "condono" da 38 miliardi

Per portare a termine l'operazione, una delle più importanti nella storia del fisco americano, la società di Cupertino staccherà un assegno da 38 miliardi di dollari già accantonati da tempo con questo obiettivo.

La cifra è importante, ma va considerata alla luce del valore che verrà prodotto dall'investimento dei capitali che rientreranno sul territorio americano.

Sarà una sorta di condono, quindi, poiché la riforma di Trump, che tuttavia l'ad di Apple Tim Cook non ha mai citato nell'illustrare la clamorosa novità, abolisce il precedente sistema di imposizione fiscale internazionale sulle multinazionali, che consentiva alla aziende di "differire" il pagamento delle tasse negli Stati Uniti sugli utili realizzati all'estero fino a quando questi non sarebbero stati rimpatriati. Una norma che ha permesso ai colossi americani di accumulare all'estero 3.100 miliardi di dollari. 

Nuovi investimenti e posti di lavoro

Con questo denaro, la società di Cupertino potrà mettere in atto una serie di operazioni finanziarie, oltre a una serie di investimenti già quantificati per un ammontare di 30 miliardi di dollari, con un contributo complessivo all'economia di 350 miliardi che, nei prossimi cinque anni, porteranno alla creazione di almeno 20.000 nuovi posti di lavoro, oltre a nuovo campus in una località ancora da definire.

"Apple è una storia di successo che poteva accadere solo negli Stati Uniti. Siamo impegnati a investire in aree dove possiamo avere un impatto diretto sulla creazione di posti. Abbiamo un profondo senso di responsabilità nel voler restituire al nostro Paese quello che ha offerto per il nostro successo", ha affermato Cook.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché Apple è indagata in Francia

L’accusa è obsolescenza programmata: Apple dovrà chiarire se le prestazioni degli iPhone sono state limitate per favorirne il ricambio

Apple-Dublino-UE: l'intesa sulle tasse, spiegato bene

Dal 2018 la casa di Cupertino dovrà versare oltre 13 miliardi di imposte non pagate in un fondo di garanzia in attesa della sentenza della Corte UE

Apple, un anno da record (anche nelle donazioni)

La società di Cupertino comunica i risultati del suo impegno contro l’Aids a fianco di RED: nel 2017 donazioni per 144 milioni di giorni di farmaci

La riforma fiscale di Trump spiegata bene

Il piano di riduzione delle tasse del presidente americano che vuol tagliare di 20 punti il prelievo sulle aziende

La riforma fiscale di Donald Trump: 5 cose da sapere

Taglio delle tasse sui redditi personali e societari. Ecco cosa ha promesso in campagna elettorale il neo-presidente degli Stati Uniti

L’impatto della riforma fiscale americana sulle aziende estere

Il Tax Cuts and Jobs Act contiene una riforma del sistema fiscale che modificherà anche la tassazione per chi investe negli USA

La riforma fiscale di Trump avvantaggia i ricchi e le imprese

Il Tax Plan punta sulla crescita economica: abbassa l’aliquota individuale più alta dal 39,6% al 37% e porta al 21% quella per le aziende

Commenti