Alessandro Proto, chi è il finanziere arrestato

In manette con le accuse di manipolazione del mercato e ostacolo all'attività degli  organi di vigilanza l'immobiliarista dei vip, che dice di aver messo le mani (e i soldi) sul 3% di Rcs

Il finanziere Alessandro Proto nel suo studio di Milano (Credits: ANSA / MATTEO BAZZI)

Alessandro Proto è stato arrestato a Milano con l'accusa di manipolazione del mercato e ostacolo all'attività degli organi di vigilanza per avere omesso di comunicare alla Consob puntuali informazioni in ordine alle operazioni di compravendita aventi a oggetto titoli quotati su mercati regolamentati. La richiesta di arresto, firmata dal gip Stefania Donadeo, è stata avanzata dal procuratore aggiunto Francesco Greco e dal pm Isidoro Palma.

Nel mirino ci sarebbero le comunicazioni relative alla partecipazione nell'azienda Tod's che fa capo a Diego Della Valle (Proto ha più volte sostenuto in passato di avere acquistato una partecipazione pari al 2,88% della società) e in Rcs, in cui ha comunicato più volte di possedere con un patto parasociale costituito con altri 4 soci, poco più del 3% della società che edita (tra gli altri giornali) il Corriere della Sera.

Sconosciuto ai più, è invece ben noto nel mondo della finanza. Sia per questi suoi ingressi nel capitale di importanti aziende italiane sia per la sua iniziale attività di immobiliarista dei vip.

Ha procurato casa a Carlos Tevez, nel cuore del quadrilatero milanese della moda, ha cercato abitazioni per Madonna e Brad Pitt. E ha poi scoperto la passione (e il business) dell'alta finanza.

Panorama lo aveva intervistato un anno fa e Proto aveva raccontato la sua vita e il suo "Proto-pensiero".

LEGGI QUI L'INTERVISTA AD ALESSANDRO PROTO

© Riproduzione Riservata

Commenti