La prima guerra mondiale in sei minuti - Time-lapse

La mappa dei fronti con gli spostamenti delle linee dai primi di agosto del 1914 fino all'armistizio dell'11 novembre del 1918

Fanteria tedesca sul fronte occidentale, 1914 – Credits: Wikimedia Commons

Luigi Gavazzi

-

In questo video un time-lapse di poco meno di sei minuti con la mappa dei fronti della prima guerra mondiale e la loro modificazione, giorno per giorno, nel corso dei quattro anni e tre mesi di guerra.
Il video è stato realizzato da EmperorTigerstar , il canale Youtube specializzato in videomappe.

Oltre alla rappresentazione grafica della complessità dei molteplici scenari di guerra e delle alleanze in campo, il time-lapse mostra in modo efficace quanto i fronti siano stati bloccati nelle rispettive posizioni dalla guerra di trincea. Il fronte orientale però è decisamente più mobile di quello occidentale, con un'iniziale successo dei Russi, ben presto arginato dai tedeschi ai Laghi Masuri (7-14 settembre 1914), che poi nei mesi successivi si sono assestati più a est fino alla pace separata di Brest-Litovsk del 3 marzo del 1918.
Attenzione anche all'autunno del 1917 sul fronte italiano: lo sfondamento di Caporetto da parte degli Austro-tedeschi che inondano di truppe la pianura veneta e poi la controffensiva italiana a partire dalla linea del Piave.

 

A occidente invece, dopo l'invasione del Belgio da parte dei tedeschi nei primi giorni di guerra e lo sfondamento in Francia arginato dal "miracolo della Marna" nel settembre del 1914, il fronte si assesta in un inferno di fango, fuoco e acciaio sul quale si infrangeranno le offensive sanguinose dei due schieramenti in quello che è diventato il teatro più noto del conflitto.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Triestini nella prima guerra mondiale. Estate 1914

Sotto le insegne dell'Impero Austro-Ungarico i primi soldati di lingua italiana a ricevere il battesimo del fuoco nella Grande Guerra saranno i triestini, i giuliani e i friulani. Inquadrati nel 97° Reggimento Fanteria austriaco e destinati in Galizia

Commenti