Libri

Stephen King: ecco le frasi che odio di più

L'autore spiega quali sono le espressioni che lo fanno inorridire ogni volta che le legge o le sente pronunciare

Stephen King

Martino De Mori

-

"Credo che chi usa la frase 'That's so cool' [più o meno 'è così fico' in italiano] debba essere messo in un angolo, e chi usa le ancora più odiose 'at this point in time' [attualmente, in questo momento] e 'at the end of the day' [alla fin della fiera] debba essere lasciato senza cena". Parola di Stephen King, che in On Writing, il suo libro di memorie nonché piccolo manuale di scrittura, ammonisce gli aspiranti romanzieri sull'uso della lingua e delle locuzioni fastidiose.

Ora l'autore americano aggiorna il suo dizionario degli orrori letterari. In un'intervista a The Atlantic spiega che non sopporta di leggere frasi come:
"Some people say" (la gente dice che...)
"Many believe" (molti pensano che...)
"The consensus is" (il consenso è...)

King definisce queste locuzioni sciatte e dice che gli fanno venire voglia di prendere a calci qualcosa. L'autore di It e altre decine di romanzi cult (e a breve escono Mr. Mercedes e Revival) se la prende anche con le espressioni tipicamente giovanili o internettiane, come IMHO, YOLO e LOL.

Ognuno di noi ha le proprie idiosincrasie. Quali sono le frasi che proprio non sopportate?

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Stephen King su Twitter: ecco i primi 10 profili che segue

Anche il Re arriva sul social network. Chi sono i privilegiati seguiti dal maestro del brivido?

Il nuovo Philip Marlowe, che piace a Stephen King

L’irlandese John Banville propone una nuova avventura del rude e solitario investigatore creato da Raymond Chandler

Stephen King: come ho scritto "Carrie"

Il maestro dell'orrore racconta la genesi del suo primo romanzo, pubblicato quarant’anni fa

Commenti