Arte & Idee

Le stanze degli Ex Voto a Milano

Rozzamente dipinte e quindi considerate prive di valore, gli Ex Voto sono invece preziosi documenti di un epoca e di uno stato d'animo. In mostra alla casa del Manzoni a Milano

 

Esposte nella mostra "Le stanze degli ex voto" (organizzata dalla Fondazione P.G.R, nata nel luglio 2013 come istituzione non profit, per salvaguardare una collezione di ex voto già esistente ) oltre 70 tavolette ex voto, simbolo della devozione popolare.

I piccoli dipinti, realizzati dal XV al XX sec., provengono da diverse collezioni private e sono accomunati dalla presenza di camere da letto arredate con tipologie di mobili che richiamano quelli presenti nella camera di Alessandro Manzoni. Pur finendo per costituire una specie di dizionario illustrato delle miserie umane, le tavolette votive hanno come denominatore comune lo stato di felicità che segue alla grazia ricevuta.

La disposizione dei vari elementi è sempre la stessa: devoto, Madonna, santi, e fedelissima ambientazione del miracolo. Varia solo la meccanica dell’intervento celeste, mentre l’unico importante mutamento risale alla metà del ‘500 quando il Concilio di Trento diede nuovo impulso al culto mariano, da allora, quindi, la grazia si riceve quasi sempre dalla Madonna.

Le stanze degli Ex Voto - Casa del Manzoni- Milano
La mostra è aperta fino al 11 aprile 2014

© Riproduzione Riservata

Commenti