Street art, il "Memorie Urbane festival"

Dodici artisti internazionali. Due città italiane. La rotta della Street art approda sul litorale pontino

Riccardo Fano

-
 

È una bottiglia piena di vernice il simbolo della nuova edizione di Memorie Urbane , il festival di street art alla sua II edizione, che dal 20 aprile al 30 maggio porterà Gaeta e Terracina sulla scena internazionale dell’arte urbana. 12 artisti si alterneranno per le strade delle due città colorando e trasformando luoghi e superfici non convenzionalmente legati alla ricezione di interventi artistici e vivacizzando culturalmente il litorale pontino.

Memorie Urbane è un festival nato a Gaeta nel 2012 da un’idea di Davide Rossillo, presidente di Turismo Creativo, sostenitore dell’arte contemporanea come elemento di dinamismo culturale e strategia di crescita socio-economica e turistica. Innestandosi in un panorama storico artistico notevole come quello della Riviera d’Ulisse, il festival vuole creare un’ideale continuità tra testimonianze artistiche del passato e arte contemporanea. Quest’anno, infatti, Memorie Urbane si apre a una nuova città, Terracina, volendo avviare così un progetto che annualmente possa coinvolgere un sempre maggior numero di nuclei urbani del litorale laziale.

Il festival è dialogo fra presente e passato, fra arte e spazi pubblici, fra realtà variegate unitesi per la sua realizzazione. Forte dell’incredibile successo della prima edizione, per il secondo anno il festival di street art raddoppia gli artisti, presentando un parterre di ospiti internazionali: Domenico Romeo, Hyuro, Moneyless, Alice Pasquini, DALeast, Faith47, SAM3, Borondo, Lucamaleonte, Malabrocca, Sbagliato, Martina Merlini. Nell’arco di due mesi tutti gli artisti sono chiamati a lavorare, per alcuni giorni, alle opere create in esclusiva per il festival che tracceranno nuovi percorsi all’interno dello spazio cittadino, in totale immersione con l’ambiente e con le persone che fanno loro da cornice.

In contemporanea con gli interventi degli artisti si svolgeranno appuntamenti collaterali come workshop, conference con giornalisti e curatori di urban art, un concorso web, le proiezioni dei film “Exit Through The Gift Shop” di Banksy e “Woman Are Heroes” di JR, concerti ed eventi serali: incontri di diversa natura che hanno come obiettivo quello di coinvolgere a più livelli la cittadinanza nel progetto Memorie Urbane.

© Riproduzione Riservata

Commenti