Arte & Idee

Chi è Christian Greco, il direttore del Museo Egizio di Torino

42 anni e una formazione internazionale che nel 2014 gli ha fatto sbaragliare la concorrenza di titolatissimi, ha reso il museo sabaudo il 7° più visitato in Italia

Christian Greco

Simona Santoni

-

Una delle tappe fondamentali di una gita a Torino? Una visita al Museo Egizio. Perla italiana, museo egizio più antico di quello del Cairo, unico a cui è secondo per importanza, l'istituzione torinese è ora oggetto di strali politici: contro il direttore Christian Greco si muovono le proteste di Fratelli d'Italia, che addirittura hanno minacciato di sostituirlo se il centrodestra vincerà le elezioni. Motivo delle ire di Meloni & Co? La promozione che regala un biglietto d'ingresso, per tre mesi, alle coppie di lingua araba, una delle tante iniziative per avvicinare il Museo al pubblico. 

Conosciamo meglio Christian Greco e il suo contributo al mondo della cultura italiana.

Il curriculum di Christian Greco 

Egittologo quarantaduenne originario della provincia di Vicenza, nel 1999 Christian Greco si è laureato in Lettere classiche all'Università di Pavia con una tesi in Archeologia del Vicino Oriente Antico. Come tante brillanti menti italiane, è andando all'estero che si è formato, per tornare poi come "figliol prodigo" ed essere nominato direttore del Museo Egizio di Torino nel 2014, a "soli" 39 anni (verde età per i canoni italiani), sbaragliando la concorrenza di candidati titolatissimi. 

La passione per l'Egitto? È nata in lui a 12 anni, quando con la mamma ha fatto il canonico viaggio nell'Egitto classico. Di fronte al tempio di Ramsete, è stato folgorato.

Greco deve molto all'Università di Leida, nei Paesi Bassi, dove ha fatto l'Erasmus nel 1997 e da dove è partita la sua prima stagione di scavi, vicino ad Aleppo. È anche lì che Greco ha imparato la dignità del lavoro: durante gli studi ha fatto le pulizie nei bagni pubblici della stazione e il guardiano di notte in hotel. 
Dopo la laurea, è a Leida che è tornato per un Master in egittologia. E sempre in terra olandese ha ottenuto la prima carica importante: a 34 anni è stato nominato direttore del Museo Nazionale di Leida.

La nomina a direttore del Museo Egizio 

Dal 28 aprile 2014 Christian Greco è direttore del Museo Egizio di Torino. Dopo 17 anni vissuti nei Paesi Bassi, era pressoché sconosciuto in Italia ma il suo curriculum è balzato agli occhi della presidente del Fondazione Museo Egizio di Torino Evelina Christillin. 

È subito diventato il "giovane faraone di Torino" - come lo definisce la Treccani -: il 17 giugno il ministro Franceschini l'ha nominato nel Comitato tecnico-scientifico per i beni archeologici.

Il suo primo proposito da direttore è stato coinvolgere la gente con proposte di visita diversificate, spiegando perché i Savoia vollero la collezione egizia a Torino e la sua importanza per la città. Da aprile 2015 il Museo è stato riaperto, completamente ristrutturato. Un traguardo che è stato il punto di partenza. 

Nel 2016 l'Egizio è stato il 7° museo più visitato in Italia, con 852.095 visitatori. Nel 2017 si è confermato su quei livelli con 845.237 visitatori. 

Cosa pensa la presidenza della Fondazione di Greco

In occasione delle critiche di Fratelli d'Italia, il Cda del Museo, per bocca della presidente Evelina Christillin, ha rinnovato il pieno e unanime consenso all'azione di Greco. "Sostengo totalmente ogni iniziativa del direttore Christian Greco, con cui da quattro anni condivido quotidianamente idee, progetti e attività", ha detto Christillin, che è anche membro del consiglio della Fifa. "La stima e l'affetto che mi legano a lui sono assoluti, ed è un onore e un piacere condividere lo sviluppo che il Museo Egizio conosce dal giorno del suo arrivo. Il concorso internazionale con cui è stato scelto, con professionalità e trasparenza, testimonia come in Italia il merito possa ancora venire premiato, e i risultati finora ottenuti lo dimostrano con chiarezza".

E ancora: "La Direzione ha dimostrato di aver saputo trasformare il Museo Egizio in un grande ente di ricerca grazie all'implementazione della squadra e a molteplici attività che vanno dallo scavo alla pubblicazione di una rivista scientifica in collaborazione con musei, università e enti di ricerca di fama mondiale", si legge in una nota. "Al contempo, vi sono sempre state attente scelte economiche e gestionali e una particolare sensibilità verso la fruizione da parte del pubblico, che hanno portato il Museo a un più alto livello di professionalizzazione e a scalare le classifiche nazionali e internazionali di gradimento".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I musei di arte contemporanea più belli del Medio Oriente - FOTO

Da Abu Dhabi a Tel Aviv, passando per Teheran e Amman, le esposizioni più interessanti di opere d'arte provenienti da tutto il mondo

Musei, riforma Franceschini e sentenza del Tar: cos'è successo e cosa accadrà

Cinque direttori museali destituiti, le polemiche e l'appello al Consiglio di Stato che ha ora rimandato la sentenza al 26 ottobre. Ecco la ricostruzione della bufera sui beni culturali italiani

Ecco quali sono i musei più strani in Italia

Dal Museo della Bora a Trieste a quello dell'ombrello in Piemonte, passando per quello del Cavatappi, del Coltello sardo e della "shit"

I 100 musei più visitati nel mondo - La classifica del 2015

In cima alla TOP 100 il Louvre, visitato da 8.600.000 persone. Otto i musei italiani nella lista, ma nessuno fra i primi 10

Musei, chi sono i 20 nuovi direttori

"Nomine di grande levatura scientifica" le ha definite il ministro della cultura Franceschini, che a gennaio aveva indetto un concorso per le selezioni

Direttori dei musei, il concorso è stata una buona idea

Finalmente si è scelto in base alla capacità e non solo alla nazionalità. Contro la burocrazia dei beni culturali che ha affossato le nostre meraviglie

Commenti