Cuba e Stati Uniti in 3 romanzi
Getty Images
Cuba e Stati Uniti in 3 romanzi
Lifestyle

Cuba e Stati Uniti in 3 romanzi

I nuovi rapporti tra gli States e l’isola di Fidel chiudono un capitolo di storia lungo oltre 50 anni, che ha ispirato anche molta letteratura

'American Tabloid', di James Ellroy

American Tabloid Mondadori

In questo capolavoro Ellroy ci racconta in modo dissacrante, quasi ‘blasfemo’, il ruolo di potere degli Stati Uniti dal 1958 al 1963, fra la liberazione di Cuba dalla dittatura di Batista da parte delle forze di Fidel Castro all’anno dell’assassinio di J. F. Kennedy. Un’America colpevole, cinica, sorretta da uomini senza scrupoli. Attorno alla famiglia del presidente si muovono personaggi oscuri e sordidi, da trafficanti di droga a mafiosi, agenti doppiogiochisti e assassini pagati dalla CIA per mettere in piedi la resistenza degli esuli cubani. E recuperare quella terra di nessuno che fu l’isola caraibica prima della rivoluzione, ambiente ideale per traffici e gioco d’azzardo.

James Ellroy
American Tabloid
(Mondadori)
657 pagine

'Il nostro agente all’Avana', di Graham Greene

Il nostro agente all'Avana Mondadori

Pubblicato nel 1958, questo romanzo rappresenta una sorta di satira di quella letteratura che durante la guerra fredda proponeva storie di spie imbattibili e affascinanti. La storia si dipana nella Cuba prerivoluzionaria, e racconta di un piccolo venditore di aspirapolvere che accetta di collaborare con i servizi segreti inglesi per arrotondare. Un uomo qualunque, dunque, che gioca le sue modeste carte in una rete di intelligence tutt’altro che impenetrabile. John Le Carré vi prese spunto per scrivere il suo Il sarto di Panama.

Graham Greene
Il nostro agente all’Avana
(Mondadori)
288 pagine

'Cuba libre', di Elmore Leonard

Elmore Leonard Mida / Ansa

A fine Ottocento gli americani Ben Tyler e Charlie Burke si imbarcano in un rischioso affare a Cuba. Dalla vendita di cavalli, la cosa diventa contrabbando di armi per i ribelli anti spagnoli. La faccenda si complica quando gli Stati Uniti intendono dichiarare guerra alla Spagna, facendo diventare gli yankee come Tyler e Burke dei nemici da cacciare.

Elmore Leonard
Cuba libre
(Net)
340 pagine

Ti potrebbe piacere anche

I più letti