Alle volte basta accendere la testa

Un'esperienza incredibile, che ti racconta un mondo e ti fa conoscere persone altrettanto incredibili

AGD Italia_2

Andrea Polo

-

Ciao Andrea, sono Enrico. Sto realizzando uno spot molto bello e vorrei che lo interpretasse Giovanni se vi va. È con questa telefonata che, più o meno un anno fa, iniziò un'avventura incredibile, che ci ha portato fino al Senato, e molto oltre. Ma andiamo con ordine.

Enrico è un vecchio amico, con cui ho lavorato per anni e che, quasi per caso, un giorno vide in teatro Marco e Giovanni. Lo spot di cui mi parlava, e che se siete così curiosi da non sapere aspettare trovate qui: https://www.youtube.com/watch?v=LUbtDNN4X5Y è quello di AGD Italia, il coordinamento tra Associazioni di aiuto a Bambini e Giovani con Diabete.

Fidandoci sia della persona sia della causa abbiamo subito accettato e così Giovanni, in un pomeriggio di novembre, si trovò davanti alla telecamera per vivere un'esperienza che di certo non dimenticherà mai, e altrettanto noi.

I mesi passano, si aspetta il momento più opportuno per far vedere al mondo questa campagna, fino a che arriva un'altra telefonata; ci vogliono a Roma, in Senato. Giovanni dovrà presentare in quella sede lo spot e la campagna.

Quasi non ci sembra vero, andare in Senato per la prima volta in vita nostra e...ospiti di nostro figlio. Ancora una volta accettiamo con entusiasmo e un' afosa mattina di giugno ci presentiamo davanti a Palazzo Madama.

Alla presentazione è unita una conferenza stampa e prima di quella conosco un altro Giovanni, per gli amici lui è semplicemente Gianni. Di cognome fa Lamenza e oltre ad essere presidente di AGD Italia è un papà, proprio come me.

Io oggi sono in Senato con mio figlio, lui oggi è in Senato per sua figlia che, ormai 13 anni fa, ha scoperto di essere diabetica. E per i figli di molti altri genitori. 

Ci sono due date che noi genitori di figli diabetici non dimenticheremo mai, mi dice Gianni, quella dell'esordio (quando abbiamo scoperto che la malattia era entrata nella nostra famiglia) e quella della guarigione. La prima la conosciamo bene, la seconda aspettiamo di conoscerla.

Sono oltre 20.000 i bambini che, in Italia, ogni giorno convivono con il diabete mellito di tipo 1, ma la cosa più fastidiosa, per loro e per le loro famiglie, è il dover convivere con la non informazione sulla loro malattia.

Casi gravi, che portano purtroppo anche a decessi in alcune aree del Paese, ma anche ad episodi di esclusione che rimarranno per sempre nelle menti dei bambini; vedersi negare dalla scuola la possibilità di andare in gita scolastica senza un vero motivo, essere messi da parte durante alcune attività e così via.

Noi non vogliamo drammatizzare, anzi. - mi dice ancora Gianni  - Vogliamo sdrammatizzare, educare, portare soprattutto nelle scuole la conoscenza di questa patologia perché, come si dice nello spot, i bambini affetti da diabete infantile non sono diversi, devono solo stare più attenti ad alcune cose. 

E per raggiungere questo scopo Gianni e gli altri fantastici membri di AGD Italia hanno trovato tanti alleati; la Senatrice Maria Rizzotti, medico che da anni si batte perché arrivi finalmente alla fine del suo iter il documento di accordo con il MIUR che viaggia fra le stanze della burocrazia italiana dal 2005 e, promette lei, continuerà a battersi a costo di chiedere notizie ogni giorno fino a che non si arriverà in fondo. 

Leonardo Pieraccioni, che ha dato la sua disponibilità per essere parte dello spot e molti altri, tutti quelli che sono parte della squadra di AGD perché, si dice molte volte in quella stanza del Senato in cui tutti siamo rapiti dalle parole di chi racconta, è facendo squadra che si vince.

Giovanni, quello piccolo, prende il microfono; gli chiedono di lanciare lui la campagna. È emozionato, un pochino gli trema la voce, forse anche lui si rende conto dell'importanza del progetto a cui ha dato il volto; anche lui è parte della squadra e anche noi ci sentiamo di essere dei nuovi giocatori di questa partita che ora più che mai vogliamo vincere assieme a Gianni, Francesca, Massimo e tutti gli altri splendidi e coraggiosissimi genitori che abbiamo conosciuto in un'afosa mattina nelle stanze del Senato. 

Se anche voi volete far parte della squadra, accendete la luce, fate girare la voce, ma fate anche qualcosa di concreto; la campagna si compone di diverse iniziative e strumenti per un corretto inserimento scolastico ed un qualificato sostegno psicologico associato alla terapia insulinica, AGD Italia ha realizzato un bellissimo libretto che vuole educare i genitori, i bambini, i docenti e tutte le figure del mondo scolastico perché i bambini con diabete infantile vivano in serenità la loro malattia anche all'interno delle scuole.

Se volete che questo libretto circoli anche nella vostra scuola, non pedete tempo, collegatevi al sito di http://www.agditalia.it/ e chiedetelo. 

Accendete la testa, e fate girare la voce. Ora


© Riproduzione Riservata

Commenti