boeing
(Boeing)
boeing
Difesa e Aerospazio

Il lavoro di domani (più di un milione di posti) è in aeronautica

Opportunità nel mercato aerospaziale per 9 trilioni di dollari nei settori commerciale, difesa e dei servizi. Lo prevede Boeing per il prossimo decennio, insieme alla necessità di 612.000 piloti e oltre 626.000 tecnici

Opportunità nel mercato aerospaziale per 9 trilioni di dollari nei settori commerciale, difesa e dei servizi. Lo prevede il costruttore americano per il prossimo decennio, insieme alla necessità di 612.000 piloti e oltre 626.000 tecnici

Boeing ha pubblicato oggi le sue previsioni annuali per il mercato commerciale, della difesa e dello spazio, e i risultati riflettono i segnali di ripresa del settore dopo la pandemia. Il documento, definito Boeing Market Outlook 2021 (Bmo21), è un'analisi delle dinamiche del mercato a lungo termine e afferma che gli aeromobili e i servizi commerciali stanno mostrando segni positivi, mentre i mercati globali della difesa, dello spazio e dei servizi governativi sono rimasti stabili. Il Bmo21 prevede un mercato da 9 trilioni di dollari nel prossimo decennio per prodotti e i servizi aerospaziali, un aumento rispetto agli 8,5 trilioni di dollari di un anno fa e dagli 8,7 trilioni nella previsione 2019 pre-pandemia.

"Mentre il nostro settore si riprende e continua ad adattarsi per soddisfare le nuove esigenze globali, rimaniamo fiduciosi nella crescita a lungo termine per il settore aerospaziale", ha affermato Marc Allen, Chief Strategy Officer di Boeing, che spiega: "Siamo incoraggiati dal fatto che gli scienziati abbiano consegnato i vaccini più rapidamente di quanto si possa immaginare e che i passeggeri stiano dimostrando una forte fiducia nei viaggi aerei". Il Bmo21 prevede inoltre che le opportunità nell'ambito del mercato della difesa e dello spazio rimarranno coerenti con le previsioni dello scorso anno a 2,6 trilioni di dollari durante il prossimo decennio. Questi mercati, grandi e stabili, sono caratterizzati da una domanda duratura guidata da sfide geopolitiche ed esigenze di sicurezza. Tale proiezione di spesa continua a basarsi sull'esigenza di velivoli militari, sistemi autonomi, satelliti, veicoli spaziali e altri prodotti per la difesa nazionale e internazionale, con il 40% delle spese che dovrebbero provenire da mercati al di fuori degli Stati Uniti. Focalizando invece il solo mercato degli aeromobili commerciali, il nuovo Commercial Market Outlook (Cmo21) riferisce che il mercato globale si sta riprendendo come Boeing aveva previsto nel 2020. La domanda di viaggi aerei nazionali sta guidando la ripresa, con i mercati intra-regionali che dovrebbero seguire grazie all'allentamento delle restrizioni sanitarie e di viaggio, fino al ritorno dei viaggi intercontinentali più lunghi ai livelli pre-pandemia entro il 2023-2024. Il Cmo prevede una domanda di 19.000 aerei passeggeri in dieci anni per un valore di 3,2 trilioni di dollari, mentre la previsione ventennale al 2040 prevede la richiesta di oltre 43.500 nuovi velivoli per un valore di 7,2 trilioni di dollari, circa 500 aerei in più rispetto alle previsioni dello scorso anno. La domanda è aumentata per gli aerei cargo, siano essi nuovi o convertiti. Con una domanda crescente di merci aviotrasportate, legata all'espansione dell'e-commerce e alla velocità e all'affidabilità del trasporto aereo, il Cmo21 prevede che la flotta globale di merci nel 2040 sarà del 70% più grande della flotta pre-pandemia. Si prevede anche che la crescita del traffico passeggeri aumenterà in media del 4% l'anno, un incremento invariato rispetto alle previsioni 2020. La flotta commerciale globale supererà i 49.000 aerei entro il 2040, con Cina, Europa, Nord America e Paesi dell'area Asia-Pacifico che rappresenteranno ciascuno circa il 20% delle consegne di nuovi velivoli e il restante 20% destinato ad altri mercati emergenti. I vettori avranno bisogno di più di 7.500 nuovi aerei per medio e lungo raggio entro il 2040 per supportare il rinnovamento delle flotte e la crescita della domanda di passeggeri e merci a lungo termine. Di conseguenza la domanda di personale aeronautico qualificato rimane forte, con una domanda prevista per oltre 2,1 milioni di persone necessarie per pilotare e mantenere le flotte commerciali e mondiali nei prossimi 20 anni, inclusi 612.000 piloti, 626.000 tecnici di manutenzione e 886.000 membri dell'equipaggio. Queste proiezioni sono leggermente in aumento rispetto al 2020, ma rimangono in calo dell'8% rispetto al 2019. "I nostri clienti si stanno preparando per la crescita e notiamo che le modifiche alla flotta e il consumo continuo di componenti vanno di pari passo con l'espansione della flotta globale", ha affermato Ted Colbert, presidente e CEO di Boeing Global Services. "Questa richiesta sarà accompagnata dalla continua adozione di strumenti e servizi digitali per migliorare la prontezza, l'affidabilità e l'efficienza della flotta".

Ti potrebbe piacere anche

I più letti