Televisione

Carlo Cracco, una foodstar per Hell's Kitchen Italia

"E’ una bella responsabilità. Hell’s Kitchen è il programma di cucina più conosciuto e iconico" dice lo chef

Carlo Cracco

"Non sarà affatto facile, perché questa volta sarò solo" dice Cracco. A dicembre intanto lo rivedremo in MasterChef 3 – Credits: (Ufficio Stampa Sky)

C’è tempo fino alla fine di settembre per partecipare ai casting di Hell’s Kitchen Italia. Il volto dell’edizione italiana del cooking show, in onda su Sky Uno nella primavera del 2014, sarà com’è noto Carlo Cracco: il cuoco stellato, mediaticamente lanciato da MasterChef, si conferma la food star più ambita (e ricca) del piccolo schermo e nella prossima stagione televisiva si prepara a consolidare il suo primato.

IL RAMSAY IN SALSA ITALIANA. Mentre Sky trasmette l’edizione numero undici di Hell’s Kitchen Usa – con venti cuochi che si sfidano per vincere un posto nel nuovo ristorante che Gordon Ramsay sta aprendo a Las Vegas – Magnolia, la casa di produzione, cerca i concorrenti italiani. “I concorrenti di Hell’s Kitchen sono chef professionisti. E’ sì uno show, ma è molto reale. In quell’ambito nessuno è tenero. Essere rigorosi e precisi fa parte del mestiere. Se sbagli un piatto, poi il cliente si lamenta. Devi pretendere sempre il massimo”, spiega Cracco, atteso alla prova della ‘conduzione’ in solitaria. “E’ una bella responsabilità. Hell’s Kitchen è il programma di cucina più conosciuto e iconico, avendo il volto di uno chef mitico come Ramsay. Non sarà affatto facile, perché questa volta sarò solo” ha raccontato nel corso di un’intervista a Sorrisi e Canzoni.

TRIO DELLE MERAVIGLIE. Gli impegni di Cracco e degli altri due giudici di MasterChef non si esauriscono così. Bruno Barbieri sarà infatti uno dei tre giurati della versione junior del programma, affiancato da Alessandro Borghese e Lidia Bastianich, cuoca e scrittrice. Che, assieme al figlio Joe Bastianich, ha da poco aperto il primo ristorante in Italia, esattamente a Cividale del Friuli: si chiama Dall’Orsone ed è solo uno degli oltre venti locali aperti tra l’America e l’Asia. Carlo Cracco intanto si conferma non solo uno degli chef più famosi, ma anche uno dei più ricchi del Belpaese: secondo Italia Oggi, nel 2012 il suo ristorante a Milano ha fatturato 3,051 milioni di euro, con un incremento del 7% rispetto all’anno precedente, assegnandosi in veste di socio unico un dividendo di circa 200 mila euro. Ma non è tutto: presto Cracco aprirà infatti un ristorante all’interno di Palazzo Parigi, nuovo albergo che sorgerà in zona Brera, rafforzando così il suo dominio culinario sulla città.

© Riproduzione Riservata

Commenti