Calcio

Dieci scommesse sicure sul campionato che parte

Scudetto, corsa all'Europa, retrocessioni, top&flop e il gioco dei derby: ecco cosa succederà da qui al prossimo maggio

Tutti a rincorrere la Juventus, nell'anno del Mondiale, che da sempre regala sorprese a mazzi. Tutti dietro alla Juve che cerca di scrivere una pagina di storia, non essendo mai riuscita a vincere tre scudetti di fila se non agli albori del calcio italiano, con la certezza che la stagione all'avvio sarà un po' più eccitante di quella che ci siamo lasciati alle spalle e che - per fare un breve riassunto - ci ha consegnato un tricolore già vinto ad aprile e la lotta per non retrocedere decisa con giornate d'anticipo, lasciandoci appesi al duello tra Milan e Fiorentina per la Champions League. Quello deciso tra rigori, espulsioni e polemiche non ancora sopite. Sarà meglio, ne siamo sicuri. E allora ecco una guida a dieci scommesse da fare sperando di passare all'incasso a maggio 2014. Buona fortuna.

SCUDETTO? PUNTATE SUL NAPOLI

I bookie hanno scelto la Juventus (1,80) e preferiscono il Milan al Napoli. Follia assoluta. Se avete 10 euro in tasca puntateli sulla squadra di Benitez perché potreste vincere sette volte la posta e in fondo state scegliendo la squadra che a maggio è arrivata seconda e che ha sostituito un grande giocatore (Cavani) con un animale da gol (Higuain). La Juve? Forte da paura, ma è l'anno del Mondiale e se tradizionalmente riserva grandi sorprese un motivo ci sarà pure...

FUORI DALLA CHAMPIONS LEAGUE? FIORENTINA

Niente da fare per Montella. Grande mercato, spettacolo garantito al Franchi e tanti gol di Mario Gomez, però rispetto alla passata stagione mancherà l'effetto sorpresa. Quindi meglio il Milan della Viola che per di più dovrà gestire il doppio impegno campionato-Europa League perdendo energie e concentrazione. Nemmeno quotate le altre pretendenti. Troppo lontane dal podio.

EUROPA LEAGUE? AFFARE ROMANO MA...

Fiorentina, Lazio e Roma. In rigoroso ordine di classifica finale. Fuori l'Udinese e anche l'Inter a meno che l'ambiente giallorosso non imploda il 22 settembre, giorno del derby che arriva presto e che per Totti e compagni sarà la chance unica di cancellare l'umiliazione della Coppa Italia. Lazio solida come tradizione. L'Inter invece...

INTER, ALTRO FLOP A MENO CHE...

Se nelle ultime due settimane di mercato arriveranno almeno un esterno di gran livello, un attaccante affidabile e un altro centrocampista. Se la questione societaria si risolverà in fretta e con un esito logico. Se alla guida non ci saranno due teste (e un solo portafoglio). Se Mazzarri avrà la pazienza di aspettare gennaio senza sbottare e i tifosi sapranno far finta di niente alle prime delusioni. Se l'Inter smetterà in fretta di essere un cantiere per diventare una squadra di calcio (e una società) competitiva subito allora sotto il podio ci possono stare anche i nerazzurri. Se...

RIVELAZIONE? IL SASSUOLO

Se oggi scommettete sulla retrocessione del Sassuolo praticamente rientrate dei soldi messi sul banco. Meglio allora fare l'esatto contrario e credere ciecamente alla qualità del gioco di Di Francesco e alla fame di serie A di Kurtic-Berardi-Zaza e alla voglia di riscatto di due 'trombati' eccellenti (ma non ancora da pensione) come Ziegler e Acerbi. E poi patron Squinzi qualcosa farà prima della fine del mercato...

ECCO LE TRE RETROCESSE...

Stiamo giocando ne... Allora diciamo due neopromosse su tre (Livorno e Verona) e il Chievo come terzo incomodo. Qui, però, abbiamo meno certezze anche se fatichiamo a pensare che possa retrocedere il Bologna con Diamanti e Bianchi, il Cagliari (se si tiene Astori e Nainggolan) o il Torino di Cerci e Immobile. Stiamo guardando solo all'attacco, vero, però questi sono uomini che fanno la differenza e il Chievo non li ha.

CANNONIERE? HIGUAIN

Visto come si è portato a spasso la difesa dell'Italia nell'amichevole di Ferragosto. Moltiplicate quei fotogrammi per 25-30 e avrete il numero di gol che il Pipita regalerà al Napoli approfittando di errori degli avversari, palloni sporchi e cross che il gioco di Benitez dovrebbe fornirgli. Sopra quota 20 ci mettiamo anche Gomez, Balotelli (rigori compresi) e Di Natale. Curiosi di vedere Totti, se la salute gli concederà una stagione ancora senza problemi.

IL PRIMO ESONERO

Autorizzati tutti gli scongiuri, ma questa è una scommessa difficile quest'anno che Zamparini è finito in serie B. Statisticamente potrebbe essere il turno di Liverani con Preziosi, però a noi sono rimaste in testa certe voci estive che parlavano di problemi a Cagliari tra Cellino e la coppia Pulga-Lopez...

PRIMO PRESIDENTE CHE SBROCCA...

Pulvirenti, 1 settembre 2013 a tarda sera dopo Catania-Inter. Ma con un po' di fortuna potrebbero esserci notizie già il giorno prima con Juventus-Lazio che è la rivincita della rivincita della Supercoppa con storie di incassi mal divisi ed elezioni di Lega sullo sfondo. Nemmeno quotato De Laurentiis nei pressi di Milan-Napoli (22 settembre) nel giorno in cui Squinzi vivrà il suo derby personale contro l'Inter.

IL GIOCO DELLA TORRE

Sarà il campionato dei derby. Ce ne sono ben cinque e noi vi anticipiamo come andrà la sfida in classifica tra compagne di città. Nessuna partita tra Juventus e Torino (arriverà prima la Juventus) e nel confronto Milan-Inter (Milan). Lazio davanti alla Roma a fine campionato e Sampdoria di misura sul Genoa. A Verona meglio l'Hellas del Chievo, ma lo abbiamo già scritto: retrocederanno tutti e due...

PS - Non si accettano scommesse nemmeno su quanti ci rinfacceranno questo articolo da qui all'eternità. E' il prezzo che si paga a provare a leggere nelle carte di un campionato quando mancano ancora due settimana alla fine del mercato. In ogni caso, abbiate pietà...

© Riproduzione Riservata

Commenti