Calcio

Cambiasso e Milito: ritorno al futuro per l'Inter

Alla vigilia del passaggio da Moratti a Thohir, il club nerazzurro sta lavorando al rinnovo del contratto dei due argentini. Bandiere anche del domani

Largo ai giovani: questa la mission operata da molti dirigenti del calcio italiano nelle ultime sessioni di mercato. Un imperativo portato avanti soprattutto a parole, meno nei fatti concreti. 

Il Milan ha infatti abdicato alla linea verde, rinnegando i Saponara e gli El Shaarawy per puntare su Kakà e Matri. E anche in casa Inter lo scenario sembra il medesimo, visto che nelle prime due giornate di Campionato sia Icardi che Belfodil sono partiti dalla panchina... 

Non è un affatto un caso, dunque, che in casa nerazzurra si lavori ai rinnovi di contratto di due storici pilastri del club di corso Vittorio Emanuele: in odore di rinnovo e spalmatura dell'ingaggio rispetto agli attuali emolumenti percepiti ci sono El Principe Diego Milito ed Esteban Cambiasso

Il bomber ex Genoa era appetito dal Racing Avellaneda, ma sarebbe pronto a decurtarsi sino a 3,5 milioni gli attuali 5 percepiti all'anno pur di rimanere tra i nerazzurri. Una scelta di cuore come quella che è pronto a fare il metronomo ex Real Madrid: Cambiasso desidera infatti chiudere la carriera nell'Inter per poi intraprendere la carriera da allenatore e per questo potrebbe ridursi del 30% il proprio salario. 

Con Zanetti dirigente e vicepresidente esecutivo già designato, anche l'Inter targata Thohir, come quella della prima era Moratti, avrà quindi parecchie bandiere in società e nello staff tecnico. Per un futuro radioso si ripartirà dal passato più glorioso.

© Riproduzione Riservata

Commenti