Ashley Graham
People

Perchè la bellezza di Ashley Graham è tanto contemporanea

Il New York magazine mette la top model taglie forti in copertina come fosse una nuova Marilyn Monroe e la consacra icona di bellezza

Morbida, sensuale, burrosa e contemporanea. E' la bellezza di Ashley Graham che, con la cover del New York magazine entra nell'Olimpo delle icone di sempre

Ashley Graham sul New York magazine

La Graham, modella curvy per antonomasia, è stata scelta per vestire in copertina i panni di una Marilyn Monroe esplosiva sdraiata su un letto di diamanti, copertina doppia da accompagnare con quella in cui compare coperta da una pelliccia leopardata vintage del 1991 firmata da Dolce & Gabbana.

A fotografarla i due italiani Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari cultori del bello e della donna.

Una bellezza contemporanea

Secondo il magazine la nuova tendenza in fatto di bellezza va verso la morbidezza delle forme e il mercato delle taglie forti rappresenta il futuro del fashion system.

La Graham, tra l'altro, sarà anche giudice della prossima edizione di American next top model a mettere il sigillo sullo sdoganamento del curvy nel settore.

"Graham - ha scritto Jada Yuan presentando la modella - rappresenta il nuovo movimento della bellezza, in una cultura che lentamente sta cambiando e arriva non dalle idee che i giornalisti di moda hanno del corpo, ma dalle persone reali".

 

L'onda curvy nella moda

Pare essere proprio Ashley la paladina di questo nuovo movimento e la cover del New York mag arriva dopo quella di Vogue (prima modella curvy in copertina) per i 125 anni della rivista.

Dietro la Graham, 29 anni, l'esercito delle modelle curvy è sempre più nutrito. In occasione della New York fashion week sono state 26 le modelle over size a sfilare in passerella e, soprattutto in America, l'industria fashion è attenta a coprire una fetta di mercato che copre i due terzi del totale delle donne.

La taglia di Ashley, infatti, è standard per la totalità delle donne afroamericane che vivono negli Usa e solo una donna su tre negli States veste una taglia inferiore alle 42.

Business e rivoluzione culturale vanno di pari passo soprattutto se si parla di un mercato da 20 miliardi di dollari nei soli Stati Uniti. 

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti