Life

Fine estate: tempo di tormentoni vintage

Tramontati i balli caraibici e di gruppo, la parola d'ordine è: anni '80

Un'immagine del gioco Just Dance (Credits: Ufficio Stampa)

E' un'estate malinconica e vintage quella che sta per essere archiviata nel 2013: si guarda al passato per timore del futuro, ci si crogiola nei ricordi perchè il domani è quanto mai traballante e allora anche sul fronte musicale quella che sta per finire passerà alla storia come la stagione nella quale sono tornati in pista i ruggenti anni '80. A fare il punto su tormentoni, musiche e melodie dell'estate è  stato "Just Dance", il gioco di ballo più venduto al mondo. Il trend è emerso dall’analisi di oltre 300 testate internazionali (quotidiani e periodici) e di 1000 tra blog, forum e siti Internet.

A supportare la ricerca un monitoraggio sulla propensione al ballo in estate realizzato su 1.200 soggetti (uomini e donne tra i 16 e i 35 anni) con metodologia WOA (Web Opinion analysis) sui più importanti social network (Facebook e Twitter), attraverso la raccolta di messaggi, post e commenti sull’argomento.

Da quanto emerso sono tramontate le sonorità caraibiche e i "classici" balli di gruppo come la bachata, I Watussi e la Macarena a favore, appunto, della musica anni '80. Il ballo , del resto è stato il leit motiv dell’estate 2013 per quasi 7 italiani su 10 (68%), che hanno scelto di scatenarsi a ritmo di musica elettronica, dance e soul, stili che hanno caratterizzato la generazione degli anni ‘80. Una moda cha anima sia le giornate in spiaggia sia le serate in discoteca e le feste in casa tra amici.

Nella hip parade dell'estate si trovano al primo posto i re della electro-music anni Ottanta, i Daft Punk (71%), che da mesi imperversano nelle discoteche e sulle spiagge con la loro Get Lucky.

Al secondo posto il rapper statunitense Pitbull (67%) che, insieme a Christina Aguilera, sono protagonisti del brano Feel This Moment, singolo contenente la parte strumentale di Take on Me, uno dei brani caratteristici degli anni ‘80 del gruppo norvegese A-ha.

A seguire il dj francese David Guetta (59%), vero e proprio habitué dei tormentoni estivi, che in collaborazione con Ne-Yo & Akon ha realizzato il singolo dance Play Hard, tormentone che si rifà al passato, usando come base il grande successo Better Off Alone di Alice DeeJay.

Giù dal podio il duo di dj svedesi Icona Pop (58%), vera e propria rivelazione con il loro primo singolo I Love It, schizzato in testa alle classifiche.

Al quinto posto troviamo Bruno Mars con Treasure (53%), ritenuto da Jody Rosen della rivista musicale Rolling Stone un "cremoso brano soul sulla scia di Michael Jackson/Prince", icone musicali di trent’anni fa.

Al sesto posto si posiziona il rapper britannico Shahid Khan, noto come Naughty Boy (49%), protagonista con la sua orecchiabilissima La La La, seguito da Robin Thicke (46%) con Blurred Lines. Chiudono la top ten due evergreen della Discomusic anni ’80: YMCA dei Village People (40%) e I will Survive di Gloria Estefan (32%), intervallati, al nono posto in classifica, dal rapper italiano Fedez (34%) con Alfonso Signorini (Eroe nazionale).

Cambiano i tempi e le località di moda, ma il ballo rimane per gli italiani l’attività preferita, emblema di una stagione, quella estiva, all’insegna del movimento e divertimento sfrenato. Cosa rappresenta per gli italiani il ballo? Voglia d’evasione (45%), un modo per mantenersi in forma in maniera disimpegnata e divertimento allo stato puro (28%).

Secondo alcuni "L’estate è la stagione in cui ballo di più rispetto al resto dell’anno", secondo altri "Ballare in estate rappresenta un vero e proprio antistress"

Del resto ballare rappresenta un modo facile per socializzare e fare nuove conoscenze (32%), per altri invece il ballo è il modo ideale per ritrovare benessere sia mentale (36%) che fisico (31%), per liberarsi, almeno per qualche minuto, dai propri freni inibitori.  

I più appassionati? Secondo la ricerca il primato spetta alle donne, che rappresentano la maggioranza (56%), soprattutto nella fascia d’età che va dai 16 ai 24 anni (72%), seguiti da coloro che vanno dai 25 ai 34 anni d’età (69%). 

Si balla nei locali notturni e in discoteca (34%), ma anche (26%) nelle stazioni balneari. C’è inoltre chi si organizza da sé, realizzando vere e proprie sfide di ballo in casa con gli amici (22%) attraverso le opportunità messe a disposizione dalle nuove tecnologie. sarà poco romantico, ma giochi di gruppo come Just Dance promettere serate originali e divertenti specie quando amici alle prime armi si cimentano nel difficile "ballo dell'orso"  

© Riproduzione Riservata

Commenti