Moratoria sulle nostre vite. A Sacconi&co: #Risparmiateci

“Moratoria sui temi etici”. Soprassediamo sulla denominazione, ormai la fantasia scarseggia. Nel Regno Unito, quelle che da noi si etichettano come “questioni eticamente sensibili” sono chiamate, più semplicemente, “social issues”. Dalle coppie di fatto alla procreazione assistita, passando per …Leggi tutto

liberi%2Btutti1.jpg

“Moratoria sui temi etici”. Soprassediamo sulla denominazione, ormai la fantasia scarseggia. Nel Regno Unito, quelle che da noi si etichettano come “questioni eticamente sensibili” sono chiamate, più semplicemente, “social issues”. Dalle coppie di fatto alla procreazione assistita, passando per aborto, contraccezione, eutanasia: si tratta di questioni sociali che toccano la carne viva delle persone, la nostra vita e le nostre scelte più intime. Questioni di fronte alle quali ci sono due possibili soluzioni, la dicotomia è una sola: allargare o restringere il perimetro della libertà di scelta individuale.

L’Italia è di nuovo un caso anomale perché la soluzione prospettata da diversi partiti che si arrogano, forse in modo troppo generoso, l’uso di parole come “libertà” e “liberale” contempla, sentite bene, un restringimento dell’autonomia individuale. Anzi, dopo alcune performance particolarmente talebane, la ricetta secondo Lupi, Gelmini, Carfagna e Sacconi sarebbe la “moratoria sui temi etici”. Meglio non parlarne, sono temi “divisivi” e il Paese ha urgenze altre. Del resto, c’è sempre altro di cui occuparsi, la recessione economica prima di tutto. Se non fosse che, se dovessimo giudicare l’operato di questo governo rispetto alle urgenze economiche, ci sarebbe un solo suggerimento: dimissioni immediate e nuove elezioni.

Ma lasciamo da parte il governo del dire più che del fare. Torniamo alle “questioni sociali”. Pare che il terrore di Sacconi&co riguardi le proposte di legge sulle coppie di fatto e sul reato di omofobia. Chi scrive è contraria alle aggravanti per l’omofobia, ma mai mi verrebbe in mente di appoggiare un bando preventivo al dibattito. Sulle coppie di fatto invece, c’è una proposta targata Pdl - Galan e Bondi in testa – che meriterebbe maggiore attenzione. Speriamo che il Parlamento se ne occupi, ma soprattutto speriamo che Sacconi&co si decidano per una bella moratoria sulle nostre vite. Ecco: risparmiateci, desistete, astenetevi. Occupatevi delle urgenze, vostre e dei vostri cari. Ma lasciateci il piacere e l’onore di decidere per noi stessi. Chiamatela “libertà”, visto che siamo tutti liberali, non è vero? Grazie infinite, grazie di cuore.

© Riproduzione Riservata

Commenti