News

Scajola arrestato: ma finora è sempre stato assolto

L'ex ministro è accusato di avere favorito il latitante Matacena, ex parlamentare. Facile prevedere un massacro mediatico. La storia politica - Gli aggiornamenti

Claudio Scajola

Quando nel 2001 diventò ministro dell'Interno e fece il suo primo viaggio a Milano, arrivato in questura chiese di poter vedere la cella di sicurezza, nei sotterranei, dove 18 anni prima (da sindaco di Imperia) era stato rinchiuso per un'inconsistente accusa di corruzione, poi finita con un'assoluzione piena. E in quella «sua» cella volle restare da solo, per una mezz'ora: a pensare.

È fatto così, Claudio Scajola. Di certo un duro, ma con l'anima. Questa mattina lo hanno arrestato per ordine del Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta del pubblico ministero Giuseppe Lombardo della Direzione investigativa antimafia: Scajola è indagato per «procurata inosservanza di pena», ai sensi dell'articolo 390 del codice penale. Il suo reato, secondo l'accusa, sarebbe quello di aver favorito la latitanza dell’ex deputato di Forza Italia Amedeo Matacena, da molti mesi sottrattosi a una condanna definitiva a 5 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. L'articolo 390 del codice penale prevede una reclusione da 3 mesi a 5 anni e la custodia cautelare in carcere.  

Intanto Matacena pare sia latitante a Dubai: secondo gli inquirenti tentava di trasferirsi in Libano con il supporto dell’ex ministro.

Di vicende giudiziarie, Scajola ne ha vissute molte, ma senza mai subire una condanna. Lo scorso 27 gennaio il Tribunale di Roma lo ha assolto in primo grado, e con formula piena, per l'accusa di finanziamento illecito sulla casa romana che per 4 anni era stata trasformata dai mass-media in una terribile, insopportabile gogna. Quattro mesi fa il giudice Eleonora Santolini aveva sentenziato che  l’ex ministro avesse detto il vero affermando di non sapere che il costruttore Diego Anemone avesse pagato parte del prezzo della casa.

Era addirittura finita con un'archiviazione, già in istruttoria, l'inchiesta avviata dalla Procura di Imperia per presunte irregolarità sugli appalti per il porto turistico della città ligure. Anche in quel caso, all'inizio dell'inchiesta, per lunghi mesi Scajola era stato massacrato dai giornali. Che avevano però indecorosamente dimenticato di segnalare come si fosse conclusa in nulla.

Anche per questo, ora è facile prevedere un gioco al massacro nei confronti dell'ex ministro. Sarebbe bene, invece, che una volta tanto prevalesse un poco di garantismo. Se non altro per la pregressa storia giudiziaria dell'indagato. 

© Riproduzione Riservata

Commenti