Esteri

Ungheria, licenziata la videoreporter che prende a calci i migranti - Video

Ripresa da un collega tedesco, la donna fa cadere un uomo che tentava di scappare dalle cariche della polizia, poi infierisce un un bambino

videoperatrice-calci

Un frame tratto dal video che mostra lo sgambetto di Petra Lazlo ad un profugo in fuga

Una videooperatrice della televisione ungherese N1TV è stata licenziata dopo essere stata filmata mentre deliberatamente faceva lo sgambetto a un migrante in fuga dalla polizia insieme a un bambino.

L'incredibile vicenda è avvenuta vicino al confine con la Serbia. Nel filmato fatto da un altro cameraman si vede distintamente la donna che, mentre molti migranti scappano da una carica della polizia nei pressi del villaggio di Roszke, fa lo sgambetto a un uomo non più giovane che corre con in braccio un bambino. Entrambi i fuggitivi cadono a terra e la video operatrice tira un calcio al bambino.

La donna è Petra Lazlo, dipendente dell'emittente televisiva locale N1TV, vicina al partito di estrema destra Jobbik. Il filmato che la mostra "in azione" è stato postato da un reporter tedesco. Inondata da proteste, l'emittente ungherese oggi ha comunicato che "la N1TV considera inaccettabile l'accaduto. Il nostro rapporto di lavoro con la videooperatrice è chiuso. Da parte nostra consideriamo chiuso il caso". (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Commenti