Esteri

Al Consiglio Ue va in scena il vertice parallelo voluto da Tsipras

Il premier greco ha ottenuto che oggi a Bruxelles, nell'ambito della riunione dei 28 leader Ue, ci sia un incontro-ombra tra lui, Merkel, Draghi e Hollande

Alexis-tsipras-grecia-junker

Alexis Tsipras con Jean Claude Junker – Credits: EPA/OLIVIER HOSLET

Ufficialmente il Consiglio Europeo dei capi di stato e di governo dei 28 Paesi europei  che si svolge questo pomeriggio e domani mattina a Bruxelles dovrebbe trattare tutt'altri temi. Ma il premier greco Alexis Tsipras sarebbe riuscito a ottenere dal presidente del Consiglio Ue, l’ex premier polacco Donald Tusk, di organizzare una sorta di vertice parallelo  per discutere proprio del salvataggio del suo Paese.  L’incontro-ombra  vedrà, secondo indiscrezioni di stampa, la partecipazione di  Angela Merkel e François Hollande, i leader delle due più importanti economie dell’eurozona, del presidente della Commissione  Jean-Claude Juncker, del presidente della Bce, Mario Draghi, e dello stesso Alexis Tsipras. Al centro dell'incontro con Berlino, Parigi e tutti i rappresentanti della Troika (con la significativa assenza di Christine Lagarde in rappresentanza del Fmi) ci sarà la questione dell’elargizione dei 7 miliardi di crediti rimanenti del secondo programma di salvataggio, e eventualmente di un terzo ciclo di aiuti.

Nella giornata di ieri, intanto, l’esecutivo di Tsipras ha rimborsato più di 500 milioni di euro al Fmi, prima tranche di un credito da 1,5 miliardi di euro ora in scadenza. L’incontro con le figure apicali dell’UE avviene dopo le difficili trattative tra i rappresentanti di Atene ed i funzionari della Troika che si sono tenute  in queste ultime settimane. Il vertice parallelo è stato voluto anche da Donald Tusk,  che rispetto al suo predecessore Herman Van Rompuy sembra intenzionato ad assumere un ruolo più attivo nel negoziato. Ma un ruolo chiave per cercare di avvicinare le posizioni lo avrebbe svolto anche Jean-Claude Juncker, il cui ruolo meno defilato in queste settimane sarebbe stato visto con fastidio anche da Berlino, suo antico grande elettore. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La versione di Alexis Tsipras

La chimica con Angela Merkel, il debito della Grecia, le prospettive dell'eurozona. Il primo ministro greco si confessa allo Spiegel

Commenti