Oggi la crisi sembra parzialmente rientrata, ma per settimane lo Stato occidentale birmano del Rakhine, al confine con il Bangladesh, è stato teatro di violenti scontri etnici tra la comunità buddhista e quella musulmana di etnia Rohingya.

A far esplodere una situazione già molto tesa sono stati, il 28 maggio, lo stupro e l'omicidio di una donna buddhista ad opera di un gruppo di tre musulmani e il successivo linciaggio, avvenuto il 3 giugno, a danno di 10 musulmani in viaggio nel Rakhine, aggrediti da un centinaio di buddhisti, secondo cui sul camion assalito erano a bordo gli aguzzini della correligionaria...

© Riproduzione Riservata

Commenti