pensionati-Inps
Lavoro

Ape e pensioni anticipate, la guida completa

Come funziona, a chi spetta quella volontaria e quella social, come fare domanda: tutto quello che c'è da sapere per andare in pensione in anticipo

Tutte le procedure non sono ancora definite e il rischio che ci siano dei ritardi rispetto alla data iniziale del 1 maggio non è affatto escluso. A ogni modo, si avvicina sempre più l'entrata in vigore dell'Anticipo Pensionistico (Ape), il nuovo sistema che permetterà a molti lavoratori italiani di mettersi a riposo a 63 anni di età, anziché a 66 anni e 7 mesi (come prevede invece la Legge Fornero). Ecco punto per punto come funziona l'Ape.

Come funziona
Per tutti i lavoratori, il requisito di base per accedere all'Ape è avere 63 anni di età e 20 anni di contributi versati. Una volta fissato questo criterio di selezione, la platea dei lavoratori pensionati è stata divisa in due categorie.

  • quelli che possono accedere all'Ape Volontaria. Si tratta di lavoratori  possono andare in pensione a 63 anni anziché a 66 ma con delle penalizzazioni
  • quelli che possono accedere all'Ape Social. Possono andare in pensione a 63 anni anziché a 66 ma senza penalizzazioni



Ape volontaria: il prestito
Il lavoratore che accede all'Ape volontaria  dovrà infatti chiedere (seppur indirettamente tramite l'Inps) un prestito a un istituto bancario o finanziario, che pagherà l'assegno pensionistico per i primi anni successivi al congedo dal lavoro. Poi, le somme incassate saranno restituite a rate con una trattenuta sull'assegno con un interesse del 2,76% su base annua. Il taglio sarà attorno al 4,5% della pensione piena, per ogni anno di anticipo del ritiro dal lavoro rispetto ai 66 anni e 7 mesi (la soglia anagrafica prevista dalla Legge Fornero).

- LEGGI ANCHE: Come funziona il prestito

Ape social: a chi spetta
Per alcune categorie di lavoratori è possibile accedere all'Ape Social, cioè andare in pensione a 63 anni senza le penalizzazioni previste per l'Ape volontaria. Hanno questa possibilità i disoccupati da almeno 3 mesi, chi assiste un familiare con handicap e gli invalidi sopra il 74%. Per l'accesso all'Ape social bisogna inoltre aver compiuto 63 anni di età e aver alle spalle almeno 30 anni di contributi (dieci in più rispetto al requisito di base dell'Ape volontaria).

L'importo della pensione maturata, che verrà corrisposto in 12 mensilità, non può superare i 1.500 euro.

- LEGGI ANCHE: Chi può beneficiare dell'Ape Social

Lavori usuranti
Possono accedere all'Ape social (purché abbiano almeno 36 anni di contributi e non 30 anni come per i disoccupati e gli invalidi) anche i lavoratori dipendenti che svolgono da almeno sei anni in via continuativa un lavoro particolarmente difficoltoso o rischioso. È il caso degli operai dell'industria estrattiva, dell'edilizia e della manutenzione degli edifici, i conduttori di gru o di macchinari mobili, i conciatori di pelli e di pellicce; o gli insegnanti della scuola dell'infanzia e gli educatori degli asili nido.

- LEGGI ANCHE: L'elenco completo dei lavori usuranti

Come fare domanda
Le procedure per chiedere l'accesso all'Ape sono ancora da definire nel dettaglio. In linea di massima, tuttavia, si dovrà presentare una doppia domanda: una per farsi certficare i requisiti di base anagrafici e contributivi e un'altra per avere poi l'accesso all'Ape Social o all'Ape volontaria con il prestito.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ape, pensioni senza tredicesima

Chi usufruirà dell'anticipo pensionistico e si metterà a riposo a 63 anni riceverà solo 12 mensilità. Ecco come funzionerà il nuovo sistema

Commenti