il-signore-delle-mosche-film-Peter-Brook-1963
Libri

Torna il 'Signore delle mosche', ma declinato al femminile

Il celebre romanzo del Nobel William Golding ritorna per un terzo adattamento cinematografico. Ma le protagoniste sono ragazze, e non tutti sono d'accordo

La Warner Bros ha deciso di realizzare un nuovo adattamento cinematografico de Il signore delle mosche, celebre romanzo dello scrittore e Premio Nobel britannico William Golding, già passato sul grande schermo nel 1963 (diretto da Peter Brook) e nel 1990 (firmato da Harry Hook). La regia è stata affidata Scott McGehee e David Siegel. Ma la vera notizia, che ha già scatenato non pochi dibattiti, è il fatto che il cast sarà totalmente al femminile.

Il signore delle mosche

La sua prima pubblicazione risale al 1954 (1958 per l'Italia). Il signore delle mosche, può essere certamente considerato come uno dei libri più importanti e iconici nel panorama letterario del Novecento. Racconta la storia di un gruppo di ragazzini dispersi su un'isola deserta, completamente isolati dal resto del mondo. L'istinto di sopravvivenza li porta a creare una forma di autogoverno, per tentare di affrontare assieme la disperata situazione. Ma le condizioni precarie, il territorio selvaggio e alcune conflittualità portano al disastroso crollo della loro struttura sociale, con conseguenze drammatiche e fatali.

il-signore-delle-mosche-golding-mondadori-copertina

Copertina del libro 'Il signore delle mosche' – Credits: Mondadori

Il tema

Si tratta di una trama che fa emergere il profondo pessimismo di Golding nei confronti della natura più primordiale dell'uomo. A grandi linee, il pensiero dell'autore è che l'essere umano, lasciato in balia di sé stesso, non può che far vincere gli istinti più animaleschi, mosso da paure ancestrali e da una malvagità latente autodistruttiva. Il signore delle mosche è una nera satira dei comportamenti sociali, spesse volte orientati a premiare la violenza e la supremazia del più forte.

william-golding

Lo scrittore britannico William Golding (1911-1993) – Credits: Wikipedia

Maschi vs femmine

L'esperimento di Scott McGehee e David Siegel di cambiare il sesso dei protagonisti risulta particolarmente curioso. Nonostante abbiano affermato di voler mantenersi fedelissimi alla trama e alla struttura del libro, i due registi mettono in campo un elemento, quello femminile, del tutto estraneo al carattere originario del romanzo.

Golding, infatti, non aveva scelto dei ragazzi casualmente per raccontare la sua storia. Non solo perché lo scrittore è un uomo, e in quanto tale ha preferito dar voce a un ambiente che conosce bene. Ma si da il caso che il genere maschile era (ed è) il più adatto a riprodurre, in un contesto “da laboratorio” (come l'ambiente chiuso di un'isola deserta), la realtà della nostra società, ancora oggi fortemente maschio-centrica.

Lo scambio di genere fa emergere dunque dei dubbi sulla reale riuscita della pellicola. Perplessità che sono il tema di un piccolo dibattito sui media internazionali. Il film è comunque al momento ancora in fase di scrittura e, dunque, non resta che attendere la sua uscita (di cui non si conoscono le tempistiche) per poter dare un vero giudizio.

---------------------------

Il signore delle mosche
di William Golding
(Mondadori)
277 pagine

Compra il libro

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti