Uncategorized

Concentrazione e sacrifici ad Amburgo e Plouay. Nel week end: la Parigi-Bruxelles e il GP Furmies in Francia

Dopo avervi raccontato la gioia  dell’ultima vittoria in terra olandese, ho partecipato a due gare importanti: la classica di Amburgo e la classica di Plouay, rispettivamente in Germania e in Francia. Gare lunghissime, di circa 250km l’una, per 6 ore di …Leggi tutto

Sprint-domenica_03.09.13_No-credit1-300x199.jpg

Dopo avervi raccontato la gioia  dell’ultima vittoria in terra olandese, ho partecipato a due gare importanti: la classica di Amburgo e la classica di Plouay, rispettivamente in Germania e in Francia. Gare lunghissime, di circa 250km l’una, per 6 ore di sforzo e di concentrazione massimi.  Erano davvero tanti i tifosi sulle strade, appassionati sportivi, collezionisti di cartoline autografate che ti rincorrono in hotel e alla partenza…

 

Agonisticamente parlando erano due gare molto adatte alle mie caratteristiche e, nonostante i molti sacrifici ed una giusta preparazione, per me sono arrivati solo due piazzamenti: un 5° ed un 7° posto.

Ma lo sport è anche questo. Una pedalata in più, di un solo metro su 250km, questione di attimi ed il risultato pieno ti sfugge. Ma ora, insieme alla mia Cannondale, guardiamo avanti. Nel week end ci aspettano altre due classiche: la Parigi-Bruxelles e il GP Furmies in Francia.

Foto-Elia_03.09.13_1_No-credit1-225x300.jpg

© Riproduzione Riservata

Commenti