Non sarà scoppiettante come Modern Family, che non a caso negli Usa è la sitcom più vista. Ma Life in pieces, in prima visione dal 13 maggio, il venerdì alle 22:15 su FOX (canale 112 di Sky) potrebbe essere una piacevole sorpresa. Al centro degli esilaranti equivoci c’è la vita di tre generazioni della famiglia Short, con tutte le nevrosi di una famiglia americana disfunzionale (dunque moderna). Ogni episodio è suddiviso in 4 piccole storie raccontate di volta in volta dal punto di vista di uno dei componenti.

Che cosa vedremo
Le singole storie danno vita a malintesi imbarazzanti e momenti comici, andando a formare i tasselli di un unico grande puzzle. Il nonno che mette in piedi una finta veglia funebre per festeggiare il compleanno in modo originale (ma qualcosa andrà storto); il nipote che parte per il college scortato dalla madre iperprotettiva e da un padre che cerca di dargli lezioni di vita; la coppia che ha avuto il primo bambino ed è alle prese con le inaspettate conseguenze dell’evento nella loro vita sessuale; il figlio in cerca di un nuovo amore che si imbatte in una ragazza molto particolare…

Il cast
Il nome più altisonante è quello delle due volte Premio Oscar Dianne Wiest, poi il figlio d’arte Colin Hanks (Dexter, Fargo), Betsy Brandt (Breaking Bad), James Brolin (2 Golden Globe, 1 Emmy), marito di Barbra Streisand. E poi Alex Borstein (Shameless), Greg Grunberg (Heroes, Masters of Sex, Star Wars: il risveglio dela forza), Thomas Sadoski (Law & Order-SVU), Zoe Lister-Jones (I miei peggiori amici), Dan Bakkedahl (Veep, The Mindy Project) e Angelique Cabral (Amici di letto).

Gli autori

Justin Adler, creatore della serie per la rete CBS ha ammesso che l’ispirazione gliel’ha fornita Looney Tunes, la serie a cartoni animati della Warner Bros, col famoso Bugs Bunny. La struttura di una sitcom di 22 minuti è un bel problema” - ha spiegato. “Così ho iniziato a pensare a Looney Tunes che aveva molteplici storie indipendenti all'interno di un episodio di mezz'ora. Perché non farlo anche con una famiglia allargata?".

Che cosa hanno scritto
“L'umorismo è genuino; le risate abbondanti”. (Gail Pennington, St. Louis Post-Dispatch)

“Con la sua scrittura tagliente e un cast ben amalgamato, Life in Pieces è decisamente divertente”. (Dorothy Rabinowitz, Wall Street Journal).

Il trailer

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti